Leader Cardiologia chiedono prevenzione globale di malattie cardiache, ictus

Giugno 4, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Malattie cardiache e ictus contribuiscono al 30 per cento delle morti globali, più di tutte le malattie infettive e parassitarie combinati, e 11 organizzazioni cardiovascolari chiedono alle Nazioni Unite per affrontare la prevenzione di malattie cardiache e altre malattie non trasmissibili.

In una dichiarazione pubblicata sul Journal of American College of Cardiology e altre riviste di cardiologia, globale Cardiovascular Disease Taskforce della Federazione mondiale del cuore - che è composto da cardiologi e sostenitori della salute della World Heart Federation, African Heart Network, Asia Pacific Cuore Network , Asian Pacific Society of Cardiology, American Heart Association, dell'American College of Cardiology, European Heart Network, Società Europea di Cardiologia, Interamericana Heart Foundation, Interamericana Society of Cardiology, e la Società panafricano di Cardiologia - chiede alle Nazioni Unite di sostenere gli sforzi per frenare la crescita mondiale delle malattie non trasmissibili, tra cui malattie cardiache e ictus.

"Dobbiamo cooperare e collaborare in tutti i settori e discipline per promuovere e affermare un ritorno positivo di investimenti nella salute cardiovascolare, solo allora potremo influenzare i paesi e le imprese di dedicare le risorse fondamentali per il nostro obiettivo comune, che è vitale per la salute umana e il benessere attraverso il mondo ", la task force ha detto nella dichiarazione obiettivi di sviluppo sostenibile e il futuro della salute cardiovascolare.




A livello globale, si stima che dal 2011-2025, il peso economico delle malattie non trasmissibili saranno 7.000 miliardi dollari, con la contabilità malattia cardiovascolare per la maggior parte di tale spesa.

"La prevenzione delle malattie cardiovascolari attraverso il sostegno di diete sane e l'attività fisica con controllo della pressione arteriosa e gli sforzi anti-fumo dovrebbe essere parte - se non al centro - obiettivi di salute delle Nazioni Unite nel 2015 e oltre dal momento che questi fattori sono così strettamente legato a molti problemi di salute ", ha detto ACC past-presidente William A. Zoghbi, MD, MACC, co-presidente della task force.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha