Leggi aria antifumo efficaci a proteggere i bambini dal fumo passivo

Aprile 8, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori della Harvard School of Public Health (HSPH) hanno scoperto che i bambini e gli adolescenti che vivono in case non-fumatori in contee con le leggi che promuovono luoghi pubblici senza fumo hanno livelli significativamente più bassi di un biomarker comune di esposizione al fumo passivo rispetto a quelli che vivono in contee senza leggi antifumo.

I residenti in case non-fumatori in contee degli Stati Uniti con le leggi antifumo bambini avevano più basso 39% prevalenza di cotinina nel sangue, un indicatore di esposizione al fumo di tabacco, rispetto a quelli che vivono in contee senza leggi antifumo. I bambini che vivono in case con fumatori esposti poco o nessun beneficio dalle leggi antifumo.

Lo studio appare nel 7 giugno 2010 advance edition on line della rivista Pediatrics.




"I risultati suggeriscono che le leggi antifumo sono una strategia efficace per proteggere i bambini e gli adulti dall'esposizione al fumo passivo. Inoltre, gli interventi progettati per ridurre o prevenire gli adulti di fumare intorno sono necessari i bambini", ha detto Melanie Colomba, che l'ha ricevuto dottorato in salute ambientale presso HSPH nel 2010 e ha condotto lo studio.

I ricercatori hanno esaminato i dati HSPH dal 1999-2006 National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES), un'indagine trasversale progettato per monitorare lo stato di salute e nutrizionale della popolazione degli Stati Uniti. Essi hanno analizzato i livelli di cotinina in 11.486 i giovani, di età compresa nonsmoking 3-19 anni, da 117 contee, con e senza esposizione al fumo passivo in casa.

Oltre ad una minore prevalenza del 39% di cotinina rilevabile, i ricercatori hanno anche scoperto che i bambini in case non fumatori avevano 43% significherebbe livelli di cotinina.

Negli ultimi dieci anni il numero delle leggi antifumo statali e locali nella nazione è cresciuto in modo significativo. Ad esempio, il numero di leggi antifumo nei luoghi di lavoro, ristoranti e bar negli Stati Uniti è aumentato da 0 nel 1988 a 175 nel 2006.

"Queste leggi hanno dimostrato di ridurre l'esposizione al fumo passivo tra gli adulti. I nostri risultati mostrano un'associazione simile nei bambini e negli adolescenti non vivono con un fumatore in casa", ha detto Gregory Connolly, senior autore della carta e direttore del controllo del tabacco Programma di ricerca presso HSPH. Douglas Dockery, professore di epidemiologia ambientale e presidente del Dipartimento di Salute Ambientale, è stato anche autore di uno studio.

Secondo il rapporto del 2006 Surgeon General, non esiste un livello sicuro di esposizione al fumo passivo. I bambini sono particolarmente vulnerabili ai composti tossici nel fumo passivo perché hanno tassi respiratori più elevati e le loro polmoni sono ancora in via di sviluppo, gli autori scrivono. L'esposizione al fumo passivo nei bambini può irritare i polmoni, causando tosse o affanno, e può scatenare un attacco d'asma nei bambini con asma. Il fumo passivo è stato anche associato a sindrome della morte improvvisa infantile, malattie respiratorie e malattie dell'orecchio medio.

Per i bambini, la casa è la principale fonte di esposizione al fumo passivo e la maggior parte del fumo è fatto dai genitori. Fonti potenziale esposizione per i bambini fuori casa comprendono auto, asili privati, ristoranti, centri commerciali e parchi.

Circa il 20 per cento dei giovani in studio HSPH vissuto con un fumatore in casa. Questi bambini avevano i più alti livelli di cotinina e potrebbero trarre i maggiori benefici da un intervento per ridurre l'esposizione, indipendentemente leggi antifumo che potrebbero essere in atto, dicono i ricercatori.

"Un modo per ridurre o prevenire gli adulti di fumare in presenza di bambini è per i medici ai genitori consigliare di smettere di fumare", ha detto Connolly.

Questa ricerca è stata finanziata dal assistenti di volo Medical Research Institute Clinical Innovator Award. La ricerca di Colomba è stato sostenuto in parte da un Istituto Nazionale di Scienze della Salute programma di formazione ambientale in Epidemiologia Ambientale.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha