Leucemia: cellule staminali leucemiche invertiti di pre-leucemica stage sopprimendo una proteina

Marzo 12, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori del King College di Londra hanno scoperto che le cellule staminali leucemiche possono essere invertite in una fase pre-leucemica sopprimendo una proteina chiamata beta-catenina trovato nel sangue.

Hanno anche scoperto che le cellule staminali leucemiche avanzate divenuti resistenti al trattamento potrebbero essere 're-sensibilizzati' al trattamento sopprimendo la stessa proteina.

Il professor Eric Quindi, che ha condotto lo studio presso il Dipartimento di Ematologia presso King College di Londra, dice che i risultati, pubblicati 13 dicembre sulla rivista Cancer Cell, rappresentano un 'passo fondamentale in avanti' nella ricerca di trattamenti più efficaci per le forme aggressive di leucemia .




Il ruolo che gioca la beta-catenina nello sviluppo e farmaco-resistenza delle cellule staminali nella leucemia acuta era finora sconosciuto. Questo studio, finanziato dalla Associazione Internazionale per la Ricerca sul Cancro (AICR), Cancer Research UK e Kay Kendall leucemia Fondo, rivela il suo significato e mette in evidenza come un potenziale bersaglio terapeutico che potrebbe consentire l'eliminazione selettiva delle cellule staminali leucemiche.

Scienziati re guardarono le cellule staminali leucemiche presenti in tipi di leucemia che coinvolgono mutazioni del gene MLL. Questo rappresenta circa il 70 per cento delle leucemie infantili e il 10 per cento di adulti leucemie acute. La prognosi per questo tipo di leucemia nei bambini non è buona - solo il 50 per cento di sopravvivere negli ultimi due anni dopo aver ricevuto il trattamento anti-leucemia standard.

Per capire come la malattia si sviluppa, la squadra del re ha effettuato una serie di esperimenti per vedere come le cellule staminali (che non si sviluppano sempre in leucemia) sono diverse da leucemiche cellule staminali, che sostengono la malattia e che possono essere pre-leucemica responsabile di ricaduta. Hanno effettuato studi in topi, nelle cellule umane in coltura derivate dal sangue del cordone, e sulle cellule leucemiche umane ottenute da due pazienti affetti da leucemia.

Gli studi in topi hanno mostrato che le cellule pre-leucemiche sviluppate in cellule staminali leucemiche e indotto la leucemia, in parte attraverso l'attivazione della beta-catenina. Ma la soppressione di beta-catenina nelle cellule staminali leucemiche ridotto la crescita delle cellule leucemiche, ha ritardato l'insorgenza della leucemia e invertito le cellule staminali di una fase pre-leucemica. Inoltre, quando la beta-catenina è stato completamente inattivato nei topi con cellule pre-leucemiche, i topi non ha sviluppare la leucemia, anche se portavano mutazioni del gene MLL.

I ricercatori hanno poi voluto vedere come la soppressione della proteina beta-catenina compromessa cellule leucemiche umane. Essi hanno scoperto che la soppressione della proteina in cellule leucemiche MLL nuovamente diminuito la loro capacità di proliferare e rinnovarsi (una parte essenziale di come si sviluppa la leucemia). Ciò ha confermato l'importante ruolo di beta-catenina nella malattia umana.

Lo studio ha anche rivelato una funzione critica precedentemente non di beta-catenina nel mediare droga proprietà di resistenza delle cellule staminali leucemiche. Le cellule staminali leucemiche possono diventare resistenti al trattamento, in alcuni casi, ma, soprattutto, questo studio ha dimostrato che la soppressione di beta-catenina in cellule leucemiche MLL umani li ha resi sensibili di nuovo.

Il professor Eric Quindi, che ha condotto lo studio presso Re, ha detto: 'Questi risultati sono estremamente eccitante e rappresentano un passo in avanti fondamentale nella ricerca di trattamenti più efficaci per questa forma devastante di leucemia. I risultati forniscono prove che questa proteina può essere sfruttata per sviluppare un bersaglio terapeutico efficace per questa forma della malattia.

'La maggior parte delle terapie anti-cancro correnti utilizzati per il trattamento della leucemia attacco cellule del sangue sane e quelle cancerose. È interessante notare che, beta-catenina non è richiesto per le cellule staminali del sangue normali. Quindi, se siamo in grado di indirizzare specificamente beta-catenina nel midollo osseo, possiamo avere potenzialmente una terapia anti-leucemia più efficace e meno tossico che può efficacemente eliminare le cellule staminali leucemiche, ma risparmia le cellule staminali del sangue sane.

'Molto più ricerca deve essere fatto prima che possiamo adottare questo approccio nel trattamento di persone con la leucemia, ma i risultati di questo studio ne sembra promettente. Noi ora studiare i meccanismi alla base di questi cambiamenti molecolari per scoprire perché la beta-catenina è così importante per lo sviluppo di MLL leucemia, e se siamo in grado di applicare il principio ad altri tipi di leucemia. '

Dr Mark Matfield, coordinatore scientifico di AICR ha dichiarato: 'L'intero settore della ricerca sulle cellule staminali del cancro è relativamente nuovo, ma questa scoperta ha il potenziale per essere uno dei più utili in questo settore in rapida avanza, perché ci mostra direttamente come un nuovo trattamento potrebbe essere sviluppato '.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha