Limitare i carboidrati potrebbero ridurre il cancro al seno recidive nelle donne con recettori IGF1 positivo

Giugno 14, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori di Dartmouth hanno scoperto che ridurre l'assunzione di carboidrati potrebbe ridurre il rischio di recidiva di cancro al seno tra le donne il cui tessuto tumorale è positivo per il recettore IGF-1. Lo studio, "il rischio di cancro al seno recidiva associata con carboidrati di aspirazione e Tissue Espressione di IGFI Receptor," apparirà nel numero di luglio di Cancer Epidemiology Biomarkers & Prevention.

"Vi è un crescente corpo di associazioni Manifestazione di ricerca tra l'obesità, il diabete, e il rischio di cancro", ha detto l'autore Jennifer A. Emond, un istruttore presso il Dipartimento di Medicina di Famiglia e di Comunità presso la Scuola di Medicina Geisel al Dartmouth College. "Ci sono similitudini tra le vie biologiche che sono alla base tutte queste condizioni, e non vi è alcune evidenze che suggeriscono che l'eccesso di attivazione della insulina/insulin-like growth factor asse, che aumenta la disponibilità di IGF1 nel sangue, possono riguardare una prognosi infausta tra i sopravvissuti al cancro al seno. "

Recettori per IGF1 sono stati trovati nel tessuto tumorale mammario, e espressione di tali recettori possono contribuire alla resistenza al trattamento tra i sopravvissuti al cancro al seno. Poiché la dieta può influenzare l'attivazione di insulina, i ricercatori si sono chiesti se la dieta possa influenzare la prognosi del cancro al seno in base espressione del recettore IGF1 nel tessuto tumorale mammario primario.




Utilizzando un approccio insolito, questo studio ha valutato l'associazione combinato di due fattori implicati nella crescita del tumore - l'assunzione di carboidrati e di stato dei recettori IGF1 - per verificare se attivare i/asse fattore di crescita insulino-simile di insulina può influenzare il cancro al seno. Dal momento che i carboidrati stimolano il percorso biologico che può aumentare le concentrazioni di IGF1, i ricercatori si sono concentrati sui carboidrati. Le donne che hanno studiato facevano parte di un processo più ampio intervento denominato sana e Living (whel) studio delle donne condotte tra il 2001 e il 2007.

"Abbiamo trovato un'associazione tra maggiore ricorrenza del cancro al seno nelle donne con un tumore del cancro al seno primario che è stato positivo per il recettore IGF1, che è coerente con altri studi", ha detto Emond. "Abbiamo constatato inoltre che l'assunzione di carboidrati diminuzione è stata associata con diminuita recidiva del cancro al seno per le donne."

Questo è il primo studio a suggerire che potrebbe essere possibile personalizzare diete raccomandate per i sopravvissuti al cancro al seno sulla base delle caratteristiche molecolari del tumore primario. Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati, e Emond osserva che i sopravvissuti al cancro al seno non dovrebbero essere preoccupati per ridurre drasticamente l'assunzione di carboidrati in base a questo studio.

"Ci sono ancora molte domande senza risposta per quanto riguarda questo studio, tra cui il tipo di alimenti contenenti carboidrati possono essere gli alimenti più importanti che i sopravvissuti al cancro al seno dovrebbero limitare," ha detto. "Sopravvissute al cancro al seno dovrebbero continuare a seguire un modello alimentare a base vegetale, come suggerito dalla American Association for Cancer Research e l'American Cancer Association, che significa mangiare un sacco di verdure ricche di fibre, legumi e frutta, consumare cereali integrali e anche limitando raffinata cereali, ortaggi amidacei e zuccheri aggiunti. "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha