Limitare il flusso di sangue nel braccio per proteggere il cuore?

Aprile 8, 2016 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I pazienti che hanno l'afflusso di sangue nel loro braccio limitata temporaneamente prima di un intervento chirurgico di bypass coronarico innesto avrebbe potuto migliorare i risultati di seguito come la chirurgia, concludono gli autori di un articolo pubblicato nel recente cardiologia numero speciale di The Lancet. E un commento di accompagnamento, afferma che le implicazioni di questo per la pratica clinica "sono immense".

Il professor Derek Yellon, il Cardiovascular Institute Cappellaio, University College London, UK e colleghi hanno studiato 57 pazienti sottoposti a chirurgia del trapianto di bypass coronarico elettivo. Di questi, 27 hanno ricevuto precondizionamento ischemico a distanza, vale a dire tre cicli di cinque minuti di avere il flusso di sangue in un braccio limitato utilizzando un bracciale-gonfiaggio automatizzato, con un periodo di cinque minuti tra ogni ciclo in cui è stato sgonfiato il bracciale.

Gli altri 30 pazienti hanno agito come gruppo di controllo. Tutti i pazienti avevano le quantità di troponina T nel sangue misurati prima dell'intervento ea 6, 12, 24, 48 e 72 ore dopo l'intervento. Troponina T è una proteina cardiaca, che può essere rilasciato nel flusso sanguigno a seguito del "pregiudizio" al cuore durante l'intervento chirurgico, e il rilascio di tali proteine ​​è associata a scarsa breve e gli esiti clinici a lungo termine dopo l'intervento chirurgico.




I ricercatori hanno scoperto la troponina T totale rilasciato 72 ore dopo l'intervento chirurgico è stato ridotto da 36.12 g/l nel gruppo di controllo di 20.58 mg/l nel gruppo precondizionamento ischemico remota, una riduzione del 43%.

Gli autori dicono: "Il nostro studio ha dimostrato che precondizionamento ischemico a distanza, mediata da transitoria ischemia degli arti superiori, in grado di ridurre la troponina T nel periodo perioperatorio nei pazienti adulti sottoposti a chirurgia coronarica bypass elettivo ... Ci si potrebbe aspettare che nei pazienti ad alto rischio per quali troponina sierica concentrazioni T sono sostanzialmente maggiore, a distanza precondizionamento ischemico potrebbe conferire una riduzione ancora maggiore nel danno miocardico ".

Nel commento di accompagnamento, il dottor Henry Purcell e il professor John Pepper, Royal Brompton Hospital, London, UK dicono: "Chiaramente la tecnica per la remota precondizionamento ischemico deve essere ripetuto dai lavoratori altrettanto qualificati in altri centri cardiaci in un gran numero di pazienti nel. Intanto, se occlusioni arti intermittenti sono costantemente dimostrato di ridurre il danno miocardico durante rivascolarizzazione cardiaca, le implicazioni per la pratica sono immense. "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha