Lo screening Nuovo farmaco identifica agenti chimici con attività anti-cancro potente

Marzo 19, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Farmaci già approvati per uso clinico attraverso una varietà di categorie terapeutiche possono essere sottoposti a screening per identificare gli agenti efficaci per il cancro alla tiroide, secondo un recente studio accettato per la pubblicazione nel Journal The Endocrine Society of Clinical Endocrinology & Metabolism (JCEM). Questi risultati potrebbero essere attuate rapidamente in un trial clinico per testare l'efficacia del trattamento sarebbe.

La scoperta di nuovi agenti chimici capaci di modulare una malattia è un processo lungo e costoso. Un approccio alternativo che sta appena iniziando ad esplorare il potenziale riutilizzo dei farmaci già esistenti che sono stati approvati per uso clinico. L'attuale studio ha esaminato l'appena assemblato National Institutes of Health (NIH) collezione farmaceutica Chemical Genomic Center, che contiene 2.816 farmaci approvati e composti bioattivi e ha cercato di identificare gli agenti con un effetto anti-cancro in linee cellulari di cancro della tiroide.

"A nostra conoscenza, questo è il primo studio a utilizzare tali una vasta collezione di farmaci clinici per testare effetto anti-proliferativo nelle cellule tumorali", ha detto Electron Kebebew, MD, del National Cancer Institute di Bethesda, MD e autore principale dello studio. "I composti trovati ad avere una potente attività nel nostro schermo rappresentano possibili opportunità di riutilizzare questi farmaci per il trattamento di pazienti con recidiva aggressivo o cancro della tiroide metastatico."




In questo studio, i ricercatori hanno usato un approccio di screening high-throughput quantitativa (qHTS) per esaminare l'effetto di 2.816 farmaci clinicamente approvati su cellule tumorali della tiroide. qHTS è un paradigma di screening basato titolazione, dove i composti sono proiettati in diverse concentrazioni. Utilizzando questo approccio, i ricercatori hanno trovato numerosi agenti attraverso diverse categorie terapeutiche e modalità di azione che ha avuto un effetto anti-cancro.

"I medici possono più facilmente traducono questi risultati in terapia quando le caratteristiche di droga sono ben noti. I farmaci possono essere utilizzati per lo sviluppo di studi clinici o in alcuni casi per l'uso off-label", ha detto Kebebew. "Inoltre, qHTS potrebbero essere utilizzati per identificare terapie non solo per il cancro, ma per molte altre malattie."

Altri ricercatori che lavorano allo studio includono Lisa Zhang, Mei Lui e Naris Nilubol del National Cancer Institute e Yaqin Zhang e Min Shen del National Human Genome Research Institute di Bethesda, MD.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha