Lo stress lieve nel grembo materno può peggiorare il rischio di paralisi cerebrale

Giugno 5, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Stress lieve cronico in donne in gravidanza può aumentare il rischio che i loro figli si svilupperà paralisi cerebrale - un gruppo di disturbi neurologici segnato da disabilità fisica - secondo una nuova ricerca nei topi. I risultati possono essere il primo a dimostrare tali effetti dello stress sugli animali nel grembo materno.

Il nuovo studio, condotto da Pierre Gressens, MD, PhD, della Inserm in Francia, ha utilizzato un modello di topo per verificare se l'esposizione a stress minima ma ripetute durante la gestazione renderebbe la prole più vulnerabile alle lesioni cerebrali simili a quelli osservati in bambini con cerebrale paralisi.

"Questi risultati sono coerenti con crescente evidenza che lo stress costante, anche minima, può avere un grande impatto sulla qualità della vita", dice Victoria Luine, PhD, illustre professore di psicologia alla New York Hunter College, che non ha partecipato alla ricerca .




Nello studio, gli scienziati hanno regolato il normale ciclo di luce e buio che i topi in gravidanza erano abituati per la metà dei topi, sottoponendoli a un livello lieve di stress. Poi i ricercatori hanno esposto il cervello dei feti in via di sviluppo di lesioni. Quando il cervello dei giovani topi sono stati esaminati sulla nascita, Gressens e il suo team hanno scoperto che i figli nati da madri stressate mostrava lesioni cerebrali circa due volte più grandi di quelli in figli di madri atone.

"Determinare l'impatto dello stress gestazionale sull'incidenza della paralisi cerebrale potrebbe essere di interesse fondamentale", dice Gressens. "Limitare lo stress durante la gravidanza potrebbe rivelarsi un modo economicamente efficace per ridurre l'umano, emotivo, sociale ed onere economico di paralisi cerebrale."

I risultati sono pubblicati nel numero di luglio 11 del The Journal of Neuroscience. Inserm, l'Institut national de la santй et de la recherche mйdicale, è l'agenzia di ricerca biomedica pubblica francese.

Il lavoro è stato supportato dal Inserm, Centre National de la Recherche Scientifique, l'Universitйs Paris 6 e 7, la Fondation Grazia de Monaco, l'associazione Sociйtй d'Etudes et de Soins pour les Enfants Paralysйs et Polymalformйs, Assistance Publique-Hфpitaux de Paris, e il Acadйmie Nationale de Mйdicine.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha