Long-Term studio ha rivelato Low Corsa tariffe associate al Vitamina C Level nel sangue

Marzo 21, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

DALLAS, 6 OTT - Le persone con alti livelli ematici di vitamina C hanno ridotto significativamente il rischio di ictus, secondo uno studio a lungo termine riportati nel numero di ottobre della Stroke: Journal of American Heart Association.

Maggiore assunzione di frutta, verdura e altri alimenti ricchi di vitamina C e potassio sono stati associati a tassi di ictus più bassi in studi precedenti.

"A mia conoscenza, questo è il primo studio prospettico a fare la correlazione tra la vitamina C nel sangue e l'incidenza di ictus," dice l'autore Tetsuji Yokoyama, MD, socio di ricerca in epidemiologia presso il Medical Research Institute di Tokyo Medical and Dental University. "Il rischio di ictus era inversamente correlata alla vitamina C nel sangue e la frequenza di consumo di verdura."




I ricercatori hanno esaminato 880 uomini e 1.241 donne in Giappone rurale, che sono stati divisi in quattro gruppi a seconda del livello di vitamina C nel sangue. Tra i partecipanti, 196 ictus si è verificato nel corso di un periodo di 20 anni a partire dal 1977.

"Il rischio di ictus era del 70 per cento più alto tra quelli del trimestre più bassi rispetto a quelli nel più alto", dice Yokoyama.

Quando i ricercatori hanno esaminato i tratti in base al numero di giorni alla settimana i partecipanti hanno mangiato frutta e verdura, hanno trovato un rapporto simile. L'associazione più evidente era per il consumo di verdure.

"Il rischio di tutti i tipi di ictus è stata del 58 per cento più basso fra coloro che consumano verdura sei o sette giorni alla settimana, rispetto a coloro che li consuma solo fino a due giorni alla settimana", osserva Yokoyama.

Concentrazioni più elevate di vitamina C nel sangue fornito prestazioni, anche in pazienti con altri fattori di rischio, come ad esempio la pressione alta, il consumo di alcol più pesante, il fumo o l'attività fisica inferiore. Tuttavia, questi fattori di rischio hanno fatto ridurre i benefici in qualche modo. I motivi non sono chiari, ma il fumo e l'alcol può interferire con l'assorbimento della vitamina C o il metabolismo.

"Così, si consiglia di comportamenti sani come mangiare frutta e verdura di frequente, non fumare, evitare l'eccesso di bere, e di essere moderatamente fisicamente attivi", spiega Yokoyama.

Anche se i livelli nel sangue di vitamina C aumentano anche con integratori di vitamina C, era raro prendere integratori vitaminici in questa comunità giapponese quando è iniziato lo studio e quindi i ricercatori non può confermare lo stesso beneficio da loro.

I 196 colpi avvenuti inclusi 109 infarti cerebrali - una corsa in cui il flusso di sangue al cervello è bloccato - e 54 ictus emorragici, che si verificano quando un'arteria nel cervello scoppia. Un altro 33 colpi erano di digitato indeterminato.

Perché una riduzione del rischio è stata osservata in entrambi i tipi di ictus, Yokoyama dice il meccanismo responsabile probabilmente si estende oltre noti effetti antiossidanti della vitamina C. Infarto cerebrale sono considerati essere il risultato di aterosclerosi, l'accumulo di depositi di grasso nelle arterie. Gli antiossidanti possono impedire l'accumulo. Ictus emorragico, d'altra parte, il risultato di un vaso sanguigno rottura nel cervello.

"Una spiegazione plausibile è che la vitamina C può essere un indicatore di una maggiore assunzione di altre sostanze nutritive che possono proteggere contro l'ictus", spiega Yokoyama.

Anche se lo screening diffuso per determinare i livelli nel sangue di vitamina C potrebbe eventualmente essere una buona idea, è troppo presto per prendere una tale raccomandazione, Yokoyama suggerisce.

I ricercatori stanno preparando un database per analizzare l'associazione tra i livelli ematici di vitamina C e la successiva incidenza di infarto nella stessa popolazione.

Co-autori sono Chigusa Date, Ph.D .; Yoshihiro Kokubo, M.D .; Nobuo Yoshiike, M.D .; Yasuhiro Matsumura, Ph.D .; e Heizo Tanaka, M.D.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha