Low BMI è un fattore di rischio per malattie cardiovascolari nei pazienti ipertesi con diabete

Aprile 26, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Low BMI è un fattore di rischio per malattie cardiovascolari nei pazienti ipertesi con diabete, secondo la ricerca presentata al Congresso ESC oggi dal dottor Takanori Nagahiro dal Giappone. I risultati forniscono prove di un paradosso dell'obesità in pazienti ipertesi con intolleranza al glucosio.

Dr Nagahiro ha detto: "L'obesità è un fattore di rischio per la malattia cardiovascolare (CVD), ma diversi studi hanno riportato che basso indice di massa corporea (BMI, kg/m2) è stato associato ad outcome cardiovascolare peggio rispetto alla media o superiore BMI Questo strano fenomeno è. chiamato il 'paradosso dell'obesità' ed è stato descritto in pazienti con ictus, insufficienza cardiaca, malattia coronarica e malattia renale ".

Ha aggiunto: "Il paradosso dell'obesità è stato riportato in pazienti diabetici nel 2012. adulti che erano peso normale, al momento della diabete incidente avuto una più alta mortalità rispetto agli adulti che erano in sovrappeso o obese.1 Tuttavia, la relazione tra obesità e di eventi cardiovascolari nei pazienti con diabete e ipertensione è sconosciuto. " L'attuale studio ha valutato la relazione tra indice di massa corporea ed eventi cardiovascolari nei pazienti con ipertensione e intolleranza al glucosio. I ricercatori hanno utilizzato i dati del Heart Study Nagoya, uno studio randomizzato a confronto i valori di efficacia di valsartan e amlodipina tra i 1.105 pazienti ipertesi con intolleranza al glucosio in Giappone. I pazienti sono stati arruolati da ottobre 2004 a gennaio 2009, e il follow-up era di 3,2 anni. L'endpoint CVD era un composito di infarto miocardico acuto, ictus, l'ammissione a causa di insufficienza cardiaca, rivascolarizzazione coronarica o morte cardiaca improvvisa.




I pazienti sono stati classified2 in quattro gruppi in base al loro BMI basale: <23 kg/m2 (n = 283), 23 a 24.99kg/m2 (n = 290), 25.00 a 27.49kg/m2 (n = 277), e ≥27.50kg/m2 (n = 255). Analisi stratificate sono state effettuate in base a questi gruppi con la categoria più bassa BMI come riferimento.

L'endpoint primario si è verificato in 42 pazienti (14,8%, 4,6/100 pazienti-anno) nella categoria di BMI più basso (il gruppo di riferimento), 24 pazienti (8,3%, 2,3/100 anni-paziente) nel BMI 23.00 a 24.99kg/gruppo m2 (hazard ratio [HR] = 0.48), 27 pazienti (9,7%, 2,8/100 pazienti-anno) nel BMI 25.00 a 27.49kg/m2 gruppo (HR = 0.57), e 13 pazienti (5,1%, 1,5/) nella categoria più alta BMI (HR = 0.32) 100 anni paziente.

Dr Nagahiro ha detto: "Come BMI aumentato, diminuito rischio cardiovascolare tra i pazienti ipertesi giapponesi con intolleranza al glucosio Dopo aggiustamento per età, sesso e abitudine al fumo, il gruppo di BMI più basso hanno mostrato la più alta incidenza CVD e la più alta del gruppo BMI avuto l'incidenza più bassa CVD.. rischio cardiovascolare nel più alto gruppo BMI era meno di un terzo di quello del gruppo di BMI più basso. " La curva di Kaplan-Meier mostra la percentuale di pazienti che ha raggiunto l'endpoint primario nel corso del tempo. Il periodo massimo di follow-up è stata di 2.126 giorni (5,8 anni). Dr Nagahiro ha detto:.. "Il nostro studio dimostra che vi è un paradosso dell'obesità in pazienti ipertesi con intolleranza al glucosio Questo può essere a causa della gravità del diabete mellito nel gruppo BMI più basso Baseline HbA1c e durata della malattia è simile ad altri gruppi tuttavia la percentuale della terapia insulinica è superiore ad altri gruppi. Questo background indica che la gravità del diabete mellito è diverso. I due gruppi centrali BMI avevano rischio CVD simile, probabilmente perché l'obesità lieve bisogno di più tempo per esercitare un effetto negativo sul sistema cardiovascolare. "

Ha concluso: "i pazienti ipertesi con intolleranza al glucosio e un elevato indice di massa corporea dovrebbero perdere peso e ripristinare la loro BMI a valori normali I risultati del nostro studio non confutare il fatto che la grave obesità è un fattore di rischio cardiovascolare.".

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha