Low Level cadmio esposizione collegata alla malattia polmonare

Aprile 14, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

La nuova ricerca suggerisce che il cadmio è uno degli ingredienti fondamentali che causano l'enfisema, e anche un'esposizione di basso livello raggiunto attraverso il fumo di seconda mano e altri mezzi possono anche aumentare il rischio di sviluppare la malattia polmonare.

L'Università del Michigan School of Public Health studio suggerisce che i livelli di cadmio superiori nel corpo tanto quanto il doppio del rischio di sviluppare una diagnosi di malattia polmonare come l'enfisema o bronchite cronica.

Anche se alcuni studi hanno collegato alti livelli di cadmio, con diminuzione della funzione polmonare nei lavoratori professionalmente esposti, questo è solo il secondo studio noto per dimostrare che i soggetti con anche un po 'aumento dei livelli di cadmio sono diminuite funzione polmonare e il primo studio conosciuto a farlo utilizzando ripetuto misure di funzione polmonare nel tempo.




"Lo studio suggerisce che l'ingrediente fondamentale per il fumo che potrebbe causare l'enfisema è il cadmio, un contaminante noto di fumo di sigaretta", ha detto Howard Hu, professore presso la Scuola UM di sanità pubblica e investigatore principale dello studio. "La preoccupazione è che se si è esposti a questo (cadmio) attraverso altre fonti si può anche essere a rischio di enfisema."

I non fumatori sono esposti al cadmio quando mangiano cibi contaminati o inalano il fumo passivo, nonché attraverso una serie di esposizioni professionali. Cadmio è un metallo che è difficile per il corpo a dissipare, Hu detto, perché i reni tendono a trattenere cadmio, e ricicla nel corpo.

Il cadmio ha ricevuto la sua parte di attenzione dei media, e alcuni gruppi di consumatori sono preoccupati per il cadmio nei fertilizzanti fanghi e delle colture. E 'anche ampiamente utilizzato nelle batterie e pigmenti.

"Il quadro generale è, teniamo saperne di più circa i contributi di tossine ambientali alle malattie croniche dell'invecchiamento per le quali abbiamo mai sospettato una causa ambientale", ha detto Hu, che è anche presidente della Scuola di Dipartimento di Salute Pubblica di Scienze della Salute Ambientale e ha un appuntamento con la Facoltà di Medicina.

Lo studio ha esaminato 96 uomini scelti a caso all'interno del Normative Aging Study, un progetto che ha avuto inizio nel 1961 e comprende circa 2.280 sani, volontari maschi da Boston, Mass.

I ricercatori hanno testato la funzionalità polmonare con tre diverse misure. I soggetti con più elevati livelli di cadmio urinario hanno mostrato evidenza di una ridotta capacità di espirare, indipendentemente dal fatto che fumava, ma con un effetto che era più grande e più evidente tra i fumatori attuali ed ex.

Il passo successivo è uno studio di popolazione molto più grande con più soggetti e più misure di esposizione al cadmio e funzione polmonare nel tempo, Hu ha detto.

"Con una popolazione più ampia saremo in grado di distinguere meglio gli effetti indipendenti di cadmio e di fumare, e se cadmio attraverso la dieta o altre fonti non-sigaretta può anche influenzare la funzione polmonare", ha detto Hu.

Sung Kyun Park, professore assistente di ricerca presso la Scuola UM of Public Health, è stato il secondo autore e supervisionato l'analisi dei dati.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha