Low vitamina D Collegato a più alto rischio di frattura dell'anca

Maggio 16, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Le donne con bassi livelli di vitamina D hanno un aumentato rischio di frattura dell'anca, secondo uno studio condotto dalla University of Pittsburgh Graduate School of Public Health.

Jane A. Cauley, Dr.PH, professore di epidemiologia, e colleghi hanno valutato i dati del paziente su 400 donne iscritte nelle donne Health Initiative studio osservazionale di coorte che hanno sperimentato la frattura dell'anca, confermato dalla loro cartella clinica, su una media di 7,1 anni. I livelli di 25-idrossivitamina D, un indicatore di stato della vitamina D, nel sangue sono stati misurati per questi pazienti e confrontati con quelli di un gruppo di controllo per età, razza, etnia e la data di lavoro di sangue rilevanti. Come concentrazioni di vitamina D sono diminuite, il rischio di fratture dell'anca salito.

"Il rischio di fratture dell'anca era 77 per cento più alta tra le donne il cui 25 idrossivitamina D livelli erano alle concentrazioni più basse", ha detto il dottor Cauley, che ha trascorso gran parte degli ultimi 15 anni che indagano i cambiamenti fisici che avvengono nelle donne in postmenopausa. "Questo effetto persisteva anche quando aggiustamento per altri fattori di rischio come l'indice di massa corporea, storia familiare di fratture dell'anca, il fumo, l'uso di alcol e l'assunzione di calcio e vitamina D".




La carenza di vitamina D primi anni di vita è associato a rachitismo - un disturbo caratterizzato da ossa molli e pensato per essere debellata negli Stati Uniti più di 50 anni fa.

Sebbene l'esigenza esatta giornaliera di vitamina D non è stata determinata, molti esperti ritengono che le persone hanno bisogno di almeno 800 a 1.000 unità internazionali al giorno. Molti esperti ritengono che gli attuali livelli raccomandati di 400 UI al giorno dovrebbero essere aumentate.

La vitamina è prodotta nella pelle dopo l'esposizione al sole, e non è disponibile in natura in molti alimenti diversi dagli oli di fegato di pesce. Alcuni alimenti sono fortificati con vitamina.

Il lavoro del Dr. Cauley si concentra anche su uso di estrogeni, il rischio di fratture dell'anca, la densità ossea e livelli di colesterolo delle donne che stanno attraversando la menopausa. Come co-investigatore principale per l'Università di Pittsburgh del sito Initiative di salute delle donne, un National Institutes of Health Study-sponsorizzato, Dr. Cauley ei suoi colleghi continuano a esaminare il calcio e la vitamina D effetti hanno sull'osteoporosi.

Questo studio è stato recentemente presentato in occasione della riunione annuale 29 della American Society for Bone and Mineral Research presso il Hawaii Convention Center.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha