Luce brillante su Cecità correlata al diabete

Maggio 8, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un gruppo di scienziati in California sta cercando di sviluppare un modo più economico, meno invasivo per individuare le prime fasi di danni alla retina da retinopatia diabetica, la principale causa di cecità negli adulti americani, prima che porta alla cecità. Come descritto nella speciale Interactive Science Publishing (ISP) rilascio di Optics Express, la società ottica (OSA) accesso aperto rivista, gli scienziati sono con fasci di luce per misurare il flusso di sangue nella parte posteriore dell'occhio.

"Il più grave è la retinopatia, minore è il flusso di sangue alla retina", dice David Huang della Keck School of Medicine presso l'University of Southern California a Los Angeles. Questa osservazione può portare a modi migliori per diagnosticare la condizione presto.

La retinopatia diabetica è causata da danni ai vasi sanguigni nella retina dell'occhio. Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, 5,5 milioni di persone di età superiore ai 40 soffrivano di questa condizione nel 2005, e questo numero è destinato a triplicare entro il 2050 il numero di persone con diabete continua ad aumentare. Ma c'è speranza; perdita della vista è evitabile se il danno retinico è rilevato abbastanza presto.




Che interessano tutti che ha il diabete di tipo 1 e la maggior parte delle persone con tipo 2, la retinopatia diabetica progredisce in due fasi. Si inizia quando i piccoli vasi che portano il sangue al e dal moto ondoso occhi e perdita, che può portare a rallentare la perdita della vista come la salute della retina degenera. In 20 per cento dei pazienti, la malattia progredisce poi avanzato retinopatia "proliferativa". La retina ossigeno-fame chiama per il sistema circolatorio per un aiuto, che risponde formando nuovi vasi sanguigni anomali. Questi vasi fragili hanno pareti sottili che tendono a cicatrice ed emorragie, causando la perdita improvvisa visione.

Huang e colleghi hanno adattato una tecnologia spettroscopica chiamata tomografia a coerenza ottica (OCT) - normalmente utilizzato fotografare trasversali della retina - per rilevare direttamente la quantità di sangue che scorre attraverso i vasi sanguigni della retina. Un diodo sullo strumento Ottobre fasci di luce infrarossa nel vaso sanguigno di interesse. La frequenza di luce che rimbalza è leggermente spostata dal sangue in rapido movimento, effetto Doppler simile allo spostamento passo nel suono di un treno che corre da.

Utilizzando questa tecnica, il team ha stimato la quantità totale di flusso di sangue nelle vene della retina di due persone con diabete, entro il 10 per cento. Essi rivelò meno sangue che scorre nella persona che aveva avanzato la retinopatia proliferativa. Ulteriori risultati inediti in altri sei pazienti supportano questa conclusione, ma il prossimo passo, secondo Huang, sarà uno studio clinico più ampio di verificare questa osservazione con significatività statistica.

Il metodo più comune attualmente utilizzato da oftalmologi per rilevare retinopatia è una fluorangiografia, una iniezione di colorante nelle vene retiniche utilizzati per individuare perdite. Questa tecnica moderatamente invasivo può causare nausea e vomito e, in rari casi, gravi reazioni allergiche.

Ottobre potrebbe fornire un modo più quantitativa, meno invasivo per diagnosticare la condizione, dice Huang. Può anche tagliare i costi aggirando le costose attrezzature necessarie per angiografia fluorescina. "E 'solo necessario uno speciale software di scansione che potrebbe essere facilmente messo sulle macchine ottobre che gli specialisti più retina hanno", dice. Egli spera che questa combinazione di fattori darà oculisti un modo semplice per verificare la presenza di problemi presto e spesso.

Rilevare i vasi sanguigni che perde aiuta primi pazienti scegliere tra diverse opzioni di trattamento. "Le persone con scarso flusso di sangue non rispondono bene ad alcuni dei trattamenti laser utilizzati per la retinopatia, e sono a più alto rischio per la retinopatia proliferativa,", dice Huang.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha