Mai fumatori cavano molto meglio rispetto ai fumatori dopo radioterapia per il cancro della testa e del collo

Giugno 2, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I pazienti con tumore della testa e del collo, che non hanno mai fumato hanno molto migliori tassi di sopravvivenza dopo la terapia di radiazioni rispetto ai pazienti con una storia di fumo, la nuova ricerca da UC Davis Cancer Center ha trovato.

Lo studio di Allen M. Chen e colleghi nei oncologia radiazioni e otorinolaringoiatria reparti UC Davis è tra i primi del suo genere ad esaminare le differenze di prognosi a base di fumo storia nei pazienti con tumore della testa e del collo che sono trattati con radioterapia.

Lo studio, pubblicato online in American Journal of Clinical Oncology, ha trovato che i pazienti con una storia di fumo sono stati più probabilità di morire di malattia e più probabilità di avere una recidiva dopo radioterapia rispetto a quelli senza una storia di fumo.




"C'è qualcosa di unico sulla biologia dei tumori della testa e del collo tra i non fumatori che li rende più suscettibili di curare da radioterapia,", ha detto Chen. "Questi tumori appena si scioglie dopo poche dosi di radiazioni. Se potessimo capire perché, ci sarebbero importanti implicazioni per nuovi farmaci e trattamenti."

Chen sospetta una possibile spiegazione per la differenza di risposta alle radiazioni è papillomavirus umano (HPV), una malattia a trasmissione sessuale che è stato fortemente associato con tumore della testa e del collo in persone che non hanno mai fumato.

"La teoria più comune è che questi tumori esprimono un antigene virale caratteristico sulla superficie cellulare che rende il sistema immunitario riconosce i tumori più facilmente, che possono potenziare gli effetti delle radiazioni", ha detto. "Un'altra teoria è che i pazienti che non hanno mai fumato e che hanno tumori HPV-correlate hanno meno mutazioni in geni chiave che sono fondamentali per la risposta alle radiazioni."

Chen confrontato 70 pazienti trattati con la Davis Dipartimento di Radioterapia Oncologica UC con nuova diagnosi, non metastatico carcinoma a cellule squamose della bocca e della gola, che aveva una storia di fumare con 70 pazienti con diagnosi simili che hanno riferito di non aver mai fumato. I pazienti che hanno continuato a fumare durante il trattamento non sono stati inclusi nello studio. I soggetti sono stati alla pari sulla base di età, sesso, etnia, sede del tumore primario, stadio della malattia e la storia di trattamento.

L'analisi ha rilevato che 14 dei 70 non hanno mai fumato sperimentato una recidiva della malattia rispetto ai 26 pazienti che avevano una storia di fumo. Inoltre, l'82 per cento dei non fumatori erano dopo tre anni, rispetto al 65 per cento dei pazienti che avevano fumato libera da malattia. Inoltre, coloro che non avevano mai fumato hanno avuto una minore incidenza di complicanze correlate al trattamento rispetto a quelli che avevano fumato.

Chen ha detto che il prossimo passo nella ricerca è quello di individuare le differenze biologiche o genetiche tra fumatori e non fumatori con diagnosi di tumori della testa e del collo e trattati con radioterapia che potrebbe spiegare le differenze di prognosi.

"Siamo in procinto di condurre diversi esperimenti di laboratorio volti a capire meglio perché i tumori derivanti dalla non avevano mai fumato sono così squisitamente radiosensibili,", ha detto Chen.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha