Malattia porta alla perdita della vista più spesso negli uomini

Maggio 31, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un nuovo studio mostra che gli uomini sono più probabilità di perdere la visione come risultato di una causa particolare di ipertensione endocranica, o aumento della pressione nel cervello, rispetto alle donne con la condizione.

Ipertensione endocranica idiopatica (IIH) è una malattia neurologica che coinvolge troppa pressione del liquido cerebrospinale, con conseguente forti mal di testa, gonfiore dei nervi ottici, perdita della vista, visione doppia, e un rumore sibilante nelle orecchie. La malattia colpisce circa uno su 5.000 persone, ed è più comune nelle donne.

I ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche di 721 persone con questo tipo di ipertensione endocranica. Solo nove per cento del gruppo era di sesso maschile. I partecipanti sono stati sottoposti a esami della vista e scansioni cerebrali.




Lo studio ha trovato che gli uomini con ipertensione intracranica erano due volte più probabilità di avere gravi problemi di vista in uno o entrambi gli occhi. Grave perdita della vista è stata definita come soddisfare i criteri di cecità legale.

"Mentre IIH avviene meno spesso negli uomini, il loro aumento della frequenza di grave perdita della vista rispetto alle donne è una delle maggiori preoccupazioni", ha detto l'autore principale dello studio Beau Bruce, MD, della Emory University di Atlanta e membro della American Academy of Neurology. "I nostri risultati suggeriscono che gli uomini con questa condizione dovrebbero avere più attento monitoraggio della loro vista e probabilmente dovrebbero essere trattati in modo più aggressivo quando hanno evidenza di perdita della vista."

Lo studio ha anche trovato gli uomini avevano una maggiore probabilità di avere apnea del sonno diagnosticati. Bruce dice che altri studi prospettici sono necessari per valutare il ruolo di apnea del sonno nel trattamento di persone con ipertensione intracranica, ma che i medici dovrebbero prendere in considerazione facendo riferimento tutte le persone appropriate, sia uomini che donne con IIH, per gli studi di sonno.

La ricerca è pubblicata nel 15 OTTOBRE 2008, il rilascio on line del Neurology, la rivista medica della American Academy of Neurology.

Lo studio è stato sostenuto da una sovvenzione di ricerca per prevenire la cecità, Inc. e dal National Institutes of Health.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha