Malattie cardiache: Pillole di vitamina B non hanno alcun effetto, Review Finds

Giugno 14, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Integratori di vitamina B-non dovrebbe essere raccomandata per la prevenzione della malattia di cuore, dicono gli scienziati. Una revisione sistematica Cochrane ha dimostrato che questi supplementi non riducono il rischio di sviluppare o di morire a causa della malattia.

"Non ci sono prove per sostenere l'uso di vitamine del gruppo B come integratori per ridurre il rischio di infarto, ictus o morte associata a malattie cardiovascolari", spiega il capo ricercatore, Arturo Martн-Carvajal della Iberoamericana Cochrane rete a Valencia, Venezuela. "Ed è importante sottolineare che, anche se potremmo non abbiamo trovato un effetto positivo, questo tipo di studi sono di vitale importanza per determinare i fattori che influenzano il rischio di sviluppare e morire di questa malattia, che è la prima causa di morte nel mondo di oggi. "

Alcune vitamine del gruppo B, in particolare B12, B9 (acido folico) e B6, i livelli di influenza di un aminoacido nel sangue chiamato omocisteina. Alti livelli di questa molecola sono associati ad un aumentato rischio di malattie cardiache. È stato suggerito che dare integratori di vitamina B-potrebbe aiutare a regolare i livelli di omocisteina, riducendo così il rischio di malattie cardiovascolari e di morte. Ma secondo i ricercatori, non vi è alcuna base scientifica per questa affermazione.




La revisione ha incluso otto studi condotti su un totale di 24.210 persone. Nessuno degli otto prove sostenuto individualmente l'idea che dare integratori di vitamina B-potrebbe prevenire le malattie cardiovascolari. Insieme, i dati mostrano che i supplementi di vitamina B-, se confrontato con placebo o trattamento standard, non hanno alcun effetto sull'incidenza di infarto, ictus o morte associata alla malattia di cuore.

"La prescrizione di questi integratori non può essere giustificato, a meno che nuovi elementi di prova da studi di grandi dimensioni di alta qualità altera le nostre conclusioni. Attualmente ci sono tre processi in corso che vi aiuteranno a consolidare o sfidare questi risultati", spiega Martн-Carvajal.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha