Mangiare agrumi può ridurre il rischio di ictus femminile

Marzo 26, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Questo studio prospettico è uno dei primi in cui i ricercatori esaminano come consumare sottoclassi di flavonoidi influenza il rischio di ictus. I flavonoidi sono una classe di composti presenti in frutta, verdura, cioccolato fondente e vino rosso.

"Gli studi hanno dimostrato maggiore di frutta, verdura e in particolare l'assunzione di vitamina C è associato ad un ridotto rischio di ictus", ha detto Aedнn Cassidy, Ph.D., autore principale dello studio e professore di nutrizione presso Norwich Medical School presso l'Università di East Anglia a Norwich , Regno Unito.




"I flavonoidi sono pensati per fornire alcune di tale protezione attraverso diversi meccanismi, tra cui il miglioramento della funzione dei vasi sanguigni e un effetto anti-infiammatorio."

Cassidy e colleghi hanno utilizzato 14 anni di dati di follow-up dalla Health Study dell'infermiera, che comprendeva 69.622 donne che hanno segnalato la loro assunzione di cibo, compresi i dettagli su consumo di frutta e di verdura ogni quattro anni. I ricercatori hanno esaminato la relazione dei sei sottoclassi principali di flavonoidi comunemente consumati nella dieta degli Stati Uniti - flavanoni, antocianine, flavan-3-oli, polimeri di flavonoidi, flavonoli e flavoni - con il rischio di ischemico, emorragico e ictus totale.

Come previsto, i ricercatori non hanno trovato un'associazione benefica tra il consumo di flavonoidi totali e il rischio di ictus, in quanto l'attività biologica delle sottoclassi differiscono. Tuttavia, hanno scoperto che le donne che hanno mangiato grandi quantità di flavanoni in agrumi avevano un rischio 19 per cento più basso di ictus coagulo di sangue legati (ischemica) rispetto alle donne che hanno consumato il minor quantità.

Nello studio, flavanoni provenivano soprattutto da arance e succo d'arancia (82 per cento) e di pompelmo e succo di pompelmo (14 per cento). Tuttavia, i ricercatori hanno raccomandato che i consumatori aumentano la loro assunzione agrumi, piuttosto che il succo, a causa dell'elevato contenuto di zucchero di succhi di frutta commerciali.

Un precedente studio ha trovato che gli agrumi e l'assunzione di succo di frutta, ma non l'assunzione di altri frutti, protetto contro il rischio di ictus ischemico e di emorragia intracerebrale. Un altro studio ha trovato alcuna associazione tra frutti gialli e arancio e rischio di ictus, ma ha collegamento aumento del consumo di frutta bianca, come mele e pere con rischio di ictus più basso. Un ulteriore studio ha scoperto che le donne svedesi che hanno mangiato i più alti livelli di antiossidanti - circa il 50 per cento di frutta e verdura - avevano meno ictus rispetto a quelli con livelli più bassi di antiossidanti.

Ulteriori studi sono necessari per confermare l'associazione tra consumo flavanone e rischio di ictus, e di acquisire una migliore comprensione del perché si verifica l'associazione, hanno detto gli autori.

Il National Institutes of Health ha finanziato la ricerca.

Co-autori sono: Eric B. Rimm, Sc.D .; Йilis J. O'Reilly, Sc.D .; Giancarlo Logroscino, M.D., Ph.D .; Colin Kay, Ph.D .; Stephanie E. Chiuve, Sc.D .; e Kathryn M. Rexrode, M.D., M.P.H. Autore informativa sono sul manoscritto.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha