Mangiare pesce, pollo, noci può ridurre il rischio di malattia di Alzheimer

Aprile 1, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un nuovo studio suggerisce che mangiare cibi che contengono omega-3 acidi grassi, come pesce, pollo, condimenti per insalata e frutta secca, può essere associata a bassi livelli ematici di una proteina correlata a malattie e problemi di memoria di Alzheimer. La ricerca è pubblicata nel 2 maggio 2012, il rilascio on line del Neurology, la rivista medica della American Academy of Neurology.

"Mentre non è facile misurare il livello di depositi beta-amiloidi nel cervello in questo tipo di studio, è relativamente facile per misurare i livelli di beta-amiloide nel sangue, che, in una certa misura, si riferisce al livello nel cervello ", ha detto l'autore dello studio Nikolaos Scarmeas, MD, MS, con la Columbia University Medical Center di New York e membro della American Academy of Neurology.

Per lo studio, 1.219 persone di età superiore a 65 anni, gratuitamente demenza, hanno fornito informazioni circa la loro dieta per una media di 1,2 anni prima che il loro sangue è stato testato per la beta-amiloide. I ricercatori hanno in particolare a 10 nutrienti, compresi gli acidi grassi saturi, omega-3 e omega-6 acidi grassi polinsaturi, acidi grassi mono-insaturi, vitamina E, vitamina C, beta-carotene, vitamina B12, acido folico e vitamina D.




Lo studio ha trovato che le più omega-3 acidi grassi di una persona ha preso in, i più bassi i livelli di beta-amiloide nel sangue. Consumare un grammo di omega-3 al giorno (pari a circa la metà di un filetto di salmone a settimana) più della media omega-3 consumato da persone nello studio è associato a livelli di beta-amiloide nel sangue 20 al 30 per cento in meno.

Altri nutrienti non sono stati associati con i livelli plasmatici di beta-amiloide. I risultati sono rimaste invariate dopo aggiustamento per età, istruzione, sesso, etnia, la quantità di calorie consumate e se un partecipante ha avuto il gene APOE, un fattore di rischio per la malattia di Alzheimer.

"Determinazione attraverso ulteriori ricerche se gli acidi grassi omega-3 o di altre sostanze nutritive riguardano fluidi o cerebrali livelli o livelli di malattia legate proteine ​​di altri Alzheimer beta-amiloide spinali possono rafforzare la nostra fiducia sugli effetti benefici di parti della nostra dieta nella prevenzione della demenza", ha detto Scarmeas.

Lo studio è stato sostenuto dal National Institute on Aging.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha