Mappe Ricercatore come l'età, il sesso può influenzare il rischio di esposizione alle radiazioni

Aprile 13, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I medici hanno un quadro più chiaro che mai di quanta radiazione raggiunge tessuti sensibili durante i raggi X di routine e immagini simili, grazie a sofisticati modelli del corpo umano in fase di sviluppo presso l'Università della Florida.

"Stiamo costruendo una ricca libreria di strumenti di simulazione al computer e modelli di pazienti in 3-D che renderanno le stime delle dosi molto più preciso e specifico paziente", ha detto Wesley E. Bolch, Ph.D., professore nei dipartimenti di UF ingegneria nucleare e radiologico e ingegneria biomedica, e un membro della UF Shands Cancer Center.

Nel numero di marzo 5 Fisica in Medicina e Biologia, Bolch e ricercatori nel suo laboratorio discutere di come hanno usato immagini microCT tridimensionale per descrivere la cartilagine, del midollo osseo e di due tipi di minerale ossea in 20 diversi siti scheletrici di due neonati. È il secondo di una serie di articoli previsti che descriveranno variazioni nel tessuto osseo e che possono influenzare la quantità di radiazione è assorbita dal corpo.




Essi scoperto che i bambini hanno una maggiore percentuale di osso minerale totale in diretto contatto con midollo osseo sensibile quanto non facciano adulti. Ciò ha implicazioni per trattamenti radioterapici e tipi di chemioterapia utilizzati per il trattamento di pazienti di cancro, in particolare terapie mirate tumori ossei pediatrici.

In contrasto con i modelli esistenti, lo studio ha anche scoperto che una grande quantità di energia degli elettroni e particelle beta volta crede di rimanere contenute nel midollo osseo dei bambini in realtà sfugge al tessuto circostante, ha detto Deanna Pafundi, PhD, un ricercatore UF e autore principale della carta, ora ricercatore presso la Mayo Clinic di Rochester, Minnesota. Questa scoperta è in uso nella ricerca UF calcolare l'impatto delle radiazioni ai tessuti circostanti scheletrici esistente, ha detto.

Epidemiologi radiazioni possono utilizzare il modello rivisto di guardare indietro nel tempo, stima delle dosi di radiazioni associati a rischio di leucemia, Bolch detto. Indicò il caso di insolitamente elevati tassi di leucemia tra una popolazione russa esposta agli scarichi fluviali di radionuclidi-ossa che cercano nel programma di armi nucleari del sovietico nel 1950. Il modello scheletrico neonato di UF suggerisce che le dosi di radiazioni per neonato midollo osseo sono state sopravvalutate da modelli scheletrici clinici esistenti.

La maggior parte delle attuali stime di dose di radiazioni del midollo osseo sono ottenute da immagini bidimensionali acquisite da sette siti scheletrici in un 44-year-old maschio adulto durante la fine del 1960, Bolch detto. Lavoro attuale di UF mira a sostituire queste stime diffusi presso l'Università di Leeds, utilizzando immagini tridimensionali e ampliando l'attività allo scheletro pediatrico e prenatale. Il lavoro illustrerà come dose di midollo osseo di radiazioni può variare con le dimensioni del paziente, se un paziente ha l'osteoporosi, e la salute osseo.

"Wes Bolch sta facendo la ricerca che darà ai medici gli strumenti per ridurre il livello di esposizione alle radiazioni dei pazienti. E 'un lavoro molto importante", ha detto George Xu, Ph.D, professore del dipartimento di meccanica, aerospaziale e l'ingegneria nucleare a Rensselaer Polytechnic Institute di Troy, NY

I modelli sono stati creati in un'epoca in cui la comunità medica sta suonando l'allarme circa il potenziale di danno da un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il Consiglio nazionale per la protezione e la misura della radiazione, l'esposizione media annuale di radiazioni negli Stati Uniti è aumentato circa il 75 per cento tra il 1982 e il 2006. Durante questo periodo, la percentuale di esposizione a causa interventi medici è passata dal 15 per cento al 48 per cento.

"La filosofia attuale è che vi è un piccolo ma percettibile rischio di cancro con ogni esposizione alle radiazioni. Di conseguenza, si vuole massimizzare la dose erogata al tumore in radioterapia, minimizzando la dose e rischio di cancro pertanto ulteriore tessuti sani circostanti, "Bolch detto.

I bambini sono particolarmente a rischio di esposizione a radiazioni, Bolch disse, come gli effetti cancerogeni delle radiazioni hanno più tempo per sviluppare nei bambini che negli adulti. In risposta a queste preoccupazioni, i professionisti coinvolti nel campo dell'imaging pediatrico hanno lanciato una campagna, denominata Immagine delicatamente, per evidenziare le opportunità di abbassare il dosaggio di radiazioni durante l'imaging bambini.

"Il rischio di utilizzare radiazioni ionizzanti sia per la terapia e di imaging non sarà mai pari a zero, ma può essere ridotto attraverso linee guida corretta e modellazione dei pazienti di queste procedure", ha detto Bolch.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha