Marcatore genetico per resistenza insetticida nelle zanzare identificati

Giugno 14, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

La ricerca guidata dalla Scuola di Medicina Tropicale di Liverpool ha individuato la base genetica per la resistenza agli insetticidi di uso comune in una delle principali zanzare portatrici di malaria in Africa.

La malaria rimane una delle più grandi assassini di bambini e donne incinte in tutto il mondo in via di sviluppo. Gran parte degli sforzi per combattere la malaria è focalizzata sul controllo delle zanzare che trasmettono la malattia attraverso l'impiego di insetticidi in zanzariere e spruzzare in casa.

Le zanzare possono evolvere per superare il modo in cui insetticidi lavoro e l'emergere di ceppi resistenti di insetticida zanzare è un problema crescente, quindi capire di più sulla sua base genetica e biologica è fondamentale.




Il gruppo, guidato dal dottor Charles Wondji a LSTM, studiato ceppi del funestus zanzara anofele e ha individuato una famiglia di geni che codificano per enzimi noti come citocromo P450, rilevando due geni che sono stati associati con la resistenza a insetticidi piretroidi. Dr Hilary Ranson della Scuola di Medicina Tropicale di Liverpool, l'autore dello studio, ha spiegato che questi stessi geni sono stati recentemente identificati con resistenza piretroide nel altra grande-malaria che trasportano zanzare in Africa, Anopheles gambiae:

"Ci aspettavamo di scoprire che diverse specie e popolazioni avrebbero diversi gruppi di geni responsabili, ma sono molto simili. Ciò è incoraggiante notizia perché significa che il lavoro per superare la resistenza in una specie è probabile che sia efficace contro l'altro."

Inoltre, a condizione che tali marcatori genetici individuati nelle popolazioni di zanzare di laboratorio sono ugualmente predittiva nel campo - cosa attualmente in fase di test dal dottor Wondji - questo sarà superato un importante punto di blocco nella valutazione delle popolazioni di zanzare selvatiche. Dr Ranson ha spiegato: "L'uso routinario di questi marcatori molecolari per la resistenza fornirà allarme precoce di futuri problemi di controllo a causa della resistenza agli insetticidi e dovrebbe migliorare notevolmente la nostra capacità di mitigare gli effetti potenzialmente devastanti di resistenza sul controllo della malaria."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha