Marijuana uso regolare aumenta il rischio di danni al fegato Epatite C-correlati

Giugno 20, 2016 Admin Salute 0 7
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I pazienti con infezione cronica da epatite C (HCV) non dovrebbero usare la marijuana (cannabis) al giorno, secondo uno studio pubblicato su Clinical Gastroenterology and Hepatology, la rivista ufficiale della American Association Gastroenterologiche (AGA) Istituto. I ricercatori hanno trovato che i pazienti con HCV che hanno usato cannabis erano quotidianamente a rischio significativamente più alto di grado da moderato a fibrosi epatica grave, o cicatrici di tessuto. Inoltre, i pazienti con moderata a forte consumo di alcol in combinazione con l'uso regolare di cannabis sperimentato un rischio ancora maggiore di fibrosi epatica. La raccomandazione di evitare la cannabis è particolarmente importante nei pazienti che hanno una coinfezione con HCV/HIV in quanto la progressione della fibrosi è già maggiore in questi pazienti.

"L'epatite C è una grande preoccupazione per la salute pubblica e il numero di pazienti che sviluppano complicanze della malattia cronica è in aumento", secondo Norah Terrault, MD, MPH, presso la University of California, San Francisco e ricercatore principale dello studio. "E 'essenziale che noi identifichiamo i fattori di rischio che possono essere modificati per prevenire e/o ridurre la progressione di HCV a fibrosi, cirrosi e anche il cancro al fegato. Queste complicanze di infezione cronica da HCV contribuiranno in modo significativo al carico complessivo della malattia epatica in Stati Uniti e continuerà ad aumentare nel prossimo decennio. "

Questo è il primo studio che valuta il rapporto tra alcol e uso di cannabis nei pazienti con HCV e quelli con coinfezione HCV/HIV. E 'di grande importanza per la gestione della malattia che i medici a comprendere i fattori che influenzano la gravità della malattia da HCV, in particolare quelli che sono potenzialmente modificabili. L'uso e l'abuso di alcol e marijuana insieme non è un comportamento comune. Inoltre, gli individui che sono gli utenti moderati e pesanti di alcol possono utilizzare la cannabis come sostituto di ridurre l'assunzione di alcol, soprattutto dopo aver ricevuto una diagnosi come HCV, che colpisce al fegato.




I ricercatori hanno trovato una significativa associazione tra l'uso di cannabis quotidianamente contro non tutti i giorni e fibrosi da moderata a grave quando la revisione di questo fattore da solo. Altri fattori che contribuiscono ad un aumento della fibrosi inclusi l'età al momento dell'arruolamento, la durata di vita di uso di alcol, la durata di vita di grado da moderato a forte consumo di alcol e necroinfiammatorio (stadio di fibrosi). Nel rivedere fattori combinati, c'è stata una forte (rischio più elevato quasi 7 volte) e relazione indipendente tra l'uso di cannabis quotidianamente e fibrosi da moderata a grave. Sesso, razza, indice di massa corporea, il carico virale HCV e il genotipo, coinfezione HIV, fonte di infezione da HCV, e la lunghezza biopsia non erano significativamente associati con fibrosi da moderata a grave.

Dei 328 pazienti sottoposti a screening per lo studio, 204 pazienti sono stati inclusi nell'analisi. Le caratteristiche di base di quelli inclusi nello studio sono stati simili a quelli esclusi, ad eccezione del consumo di cannabis al giorno (13,7 per cento di quelli studiati cannabis usato quotidianamente contro il 6,45 per cento di quelli non inclusi). I pazienti che hanno usato cannabis quotidianamente avevano un indice di massa significativamente inferiore del corpo rispetto agli utenti non-quotidiane (25,2 contro 26,4), erano più propensi a utilizzare la cannabis prescritta dal medico (57,1 per cento contro 8,79 per cento), e più probabilità di avere coinfezione HIV (39,3 per cento contro il 18,2 per cento).

La prevalenza del consumo di cannabis tra gli adulti negli Stati Uniti è stimato a quasi il 4 per cento. L'uso regolare è aumentato in alcuni sottogruppi di popolazione, compresi quelli di età compresa tra 18 a 29.

L'epatite è un'infiammazione del fegato. L'epatite C è la forma più comune di epatite e infetta circa 4 milioni di persone negli Stati Uniti, con una stima di 150.000 nuovi casi diagnosticati ogni anno. Mentre può essere diffuso attraverso le trasfusioni di sangue e aghi contaminati, per un numero considerevole di pazienti, la causa è sconosciuta. Questa forma di epatite virale può portare a cirrosi, o cicatrici, del fegato. Coinfezione dell'epatite C in pazienti che sono HIV positivi è comune; circa un quarto dei pazienti con infezione da HIV sono infettati con epatite C. La maggior parte di questi pazienti, il 50 al 90 per cento, sono stati infettati attraverso l'iniezione di droga. Epatite C ranghi con l'abuso di alcol, come la causa più comune di malattia epatica cronica e porta a circa 1.000 trapianti di fegato ogni anno negli Stati Uniti

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha