Meccanismo cellulare che provoca sintomi simil-lupus in topi identificati

Maggio 12, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I macrofagi, le cellule scavenger del sistema immunitario del corpo, sono responsabili per lo smaltimento delle cellule morenti. Stanford University School of Medicine i ricercatori hanno identificato una via in questo importante processo nei topi che, se interrotto, causa una malattia autoimmune lupuslike.

I risultati potrebbero portare sia ad una migliore comprensione delle cause di lupus negli esseri umani e potenziali trattamenti farmacologici per la malattia, che colpisce circa 1,5-2.000.000 di persone negli Stati Uniti.

"Proprio come nei topi, negli esseri umani, se non si cancella le cellule morenti, allora che si predispone a lupus", ha detto Lata Mukundan, PhD, ricercatore associato Stanford e uno dei primi autori dello studio che sarà pubblicato on-line in Nature Medicine ottobre 18. "Se si guarda a pazienti con lupus, hanno una incapacità di eliminare quelle cellule morte."




Aggiunto Ajay Chawla, MD, PhD, assistente professore di endocrinologia e autore senior dello studio: "La compensazione via di morire cellule è importante Se non sono ripulite, possono fornire antigeni contro noi stessi, che porta allo sviluppo di autoimmunità.. "

Lupus è una malattia autoimmune in cui il sistema del corpo attacca le proprie cellule. L'infiammazione cronica provoca sintomi che possono assomigliare ad altri tipi di artrite e malattie reumatiche a carico della cute, cuore, polmoni, reni, le articolazioni e il sistema nervoso. La causa è sconosciuta.

Mukundan, Chawla e colleghi hanno scoperto una delle vie attraverso le quali macrofagi senso e silenzioso smaltire queste cellule morenti - un processo in natura non precedentemente compreso - conducendo esperimenti di laboratorio in vitro con macrofagi di topo e umani, nonché in geneticamente topi ingegnerizzati.

I ricercatori hanno ipotizzato che una molecola nel nucleo delle cellule chiamato PPAR-delta svolge un ruolo fondamentale nel controllo del tempestivo smaltimento di morire le cellule dai macrofagi, i globuli bianchi che ingoiano e digeriscono detriti e agenti patogeni cellulari, innescando altre cellule immunitarie ad aiutare nella risposta ad un agente patogeno.

"Volevamo sapere, se hai preso un mouse e solo cancellati PPAR-delta dai suoi macrofagi, è che sufficiente a provocare una malattia autoimmune?" Chawla ha detto. "A quanto pare è."

Per testare la loro teoria, i ricercatori allevato geneticamente i topi che mancavano la molecola PPAR-delta nei loro macrofagi, e poi iniettate apoptotici (morire) cellule. Si è scoperto che semplicemente manca la molecola PPAR-delta causato una lupuslike malattia renale autoimmune in topi.

I farmaci che attivano PPAR-delta sono stati identificati e sono in sperimentazione clinica per il trattamento del colesterolo alto e altri disturbi lipidici. Così, il coinvolgimento diretto di PPAR-delta nel sopprimere la produzione di autoanticorpi e mantenere la tolleranza del corpo a se stesso solleva la possibilità che queste molecole che attivano PPAR-delta può essere usato per il trattamento di pazienti affetti da lupus.

Lo studio individua come funziona PPAR-delta in macrofagi. Quando i macrofagi mangiano cellule morenti, alcuni geni vengono attivati ​​in queste cellule, scatenando ulteriormente i consumi di più cellule morenti e aiutando nella loro liquidazione.

In primo luogo, gli aiuti PPAR-delta nel riconoscimento della cellula morente regolando la produzione di proteine ​​chiave chiamati opsonine. Queste proteine ​​riconoscono i "mi mangiare" segnali rilasciati dalle cellule morenti. Inoltre, PPAR-delta impedisce anche il sistema immunitario di montaggio una risposta infiammatoria alla cella morente e quindi funzioni lo smaltimento sicuro delle cellule morenti. In assenza di PPAR-delta, topi hanno un accumulo di cellule morte che nel tempo fornisce un segnale di pericolo per il sistema immunitario, con conseguente infiammazione e danno tissutale.

"Le cellule morenti sono un mucchio di lipidi modificati", ha osservato Chawla.

Quando i macrofagi mangiano le cellule morenti che raddoppia il contenuto di lipidi. La squadra ha dimostrato in ulteriori esperimenti in laboratorio che i lipidi lavorato come un segnale per dire ai macrofagi di cui avevano bisogno di mangiare cellule morenti più. "Questi recettori permettono ai macrofagi per attivare i geni per una migliore compensazione nel corpo", ha detto Chawla.

Altri collaboratori Stanford allo studio sono: co-primi autori Justin Ødegaard, MD, residente in patologia, e Christine Morel, ex assistente di ricerca, che ora è uno studente laureato presso la Baylor University in Texas; Julia Mwangi, assistente di ricerca endocrinologia; Jose Heredia, PhD, uno studioso di postdottorato; MD studente/PhD Roberto Ricardo-Gonzalez; Sharon Goh, uno studente laureato immunologia; Alex Red Eagle, uno studente di genetica MD/PhD; Jennifer Awakuni, ex studente universitario; Lawrence Steinman, MD, il George A. Zimmermann Professore e professore di neurologia; e Sara Michie, MD, professore di patologia. Questo lavoro è stato sostenuto da sovvenzioni dal National Institutes of Health, la Allen Fondazione Rita e la National Multiple Sclerosis Society. Il sostegno è stato fornito anche dal programma di Stanford Medical Scientist Training, l'American Heart Association, Fellowship di Dean e la Howard Hughes Medical Institute Gilliam Fellows.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha