Medici legame comune chemioterapia droga per Jawbone Necrosis

Giugno 23, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

New Hyde Park, NY - I medici Long Island Jewish (LIJ) Medical Center ha recentemente scoperto un legame tra un farmaco chemioterapico comune e una malattia ossea grave chiamata osteonecrosi della mandibola (ONJ). La scoperta, pubblicata sul Journal of Oral and Maxillofacial Chirurgia, spinto sia la US Food and Drug Administration (FDA) e Novartis, il produttore dei bifosfonati utilizzati in chemioterapia, per emettere avvisi all'inizio di questo autunno per medici e dentisti per il rischio di questo potenziale effetto negativo. ONJ è una condizione in cui il tessuto osseo nella mascella riesce a guarire dopo trauma lieve come estrazione di un dente, causando l'osso da esporre. L'esposizione può alla fine portare a infezioni e fratture e può richiedere una terapia antibiotica a lungo termine o un intervento chirurgico per rimuovere il tessuto osseo morente.

Il capo della Divisione di Chirurgia Orale e Maxillo-Facciale presso LIJ, Salvatore Ruggiero, DMD, MD, e il suo staff ha riferito che sono stati colpiti da un gruppo di pazienti affetti da cancro con lesioni necrotiche della mascella - una condizione raramente vedevano, in solo circa uno a due pazienti all'anno. Quando hanno lanciato uno studio di grafici dei pazienti, hanno trovato che 63 pazienti con diagnosi di questa condizione per un periodo di tre anni in comune solo una caratteristica clinica comune: tutti avevano ricevuto terapia con bifosfonati a lungo termine.

I bifosfonati sono comunemente utilizzati in forma di compresse per prevenire e curare l'osteoporosi nelle donne in post-menopausa. Forme più forti sono ampiamente utilizzati nel trattamento dei tumori avanzati che hanno metastasi alle ossa, in cui la malattia è spesso causa di dolore alle ossa e fratture forse anche. Molti tumori possono comportare o metastasi alle ossa, tra cui polmone, della mammella, della prostata, mieloma multiplo e altri. In chemioterapia, i farmaci sono somministrati per via endovenosa, e di solito per lunghi periodi di tempo.




Nel loro studio, il dottor Ruggiero e il suo staff hanno collaborato con Bhoomi Mehrotra, MD, e la Divisione di Ematologia-Oncologia presso LIJ, e medici in Oral-Chirurgia Maxillo-Facciale Division presso l'Università del Maryland Medical Center. Dei 63 pazienti con diagnosi di ONJ tra il febbraio 2001 e il novembre 2003 presso i loro centri, 56 erano malati di cancro che avevano ricevuto infusioni di bifosfonati per almeno un anno e sette erano pazienti non oncologici che avevano ricevuto la terapia orale a lungo termine per l'osteoporosi . I pazienti hanno sviluppato ONJ dopo normale trauma osseo, come ad esempio l'estrazione di un dente, durante la terapia con bifosfonati. Invece di guarigione, l'osso cominciò a morire, e la maggior parte dei pazienti ha richiesto un intervento chirurgico per rimuovere l'osso malato.

Nei FDA MedWatch e Novartis segnalazioni effettuate alla fine di settembre, oncologi e dentisti sono stati informati dell'aggiunta di osteonecrosi della mandibola alle "Precauzioni" e "reazioni avverse" sezioni sull'etichettatura dei bifosfonati iniettabili, che descrive le segnalazioni spontanee di condizione essere trovato soprattutto in pazienti affetti da cancro. Gli avvisi consigliamo anche una visita odontoiatrica con un'appropriata profilassi dentale in pazienti con fattori di rischio come il cancro, chemioterapia, corticosteroidi e scarsa igiene orale prima di iniziare il trattamento con bifosfonati.

"Monitoraggio della salute dentale dei pazienti bifosfonati è fondamentale perché una diagnosi precoce può ridurre le complicazioni derivanti dalla distruzione avanzata della mascella", ha detto il dottor Ruggiero. "Dato che il nostro documento è stato pubblicato e dentisti si rese conto della connessione, sono stati identificati molti più pazienti con la condizione, anche nel nostro centro. La prevenzione e la diagnosi precoce sono così importanti per preservare l'osso della mascella in questi individui." Le persone dovrebbero cercare di evitare estrazioni dentarie ed altri importanti lavori dentali, mentre sui farmaci.

I bifosfonati bloccano il lavoro delle cellule ossee chiamate osteoclasti, uno dei due importanti tipi di cellule ossee che sono coinvolti nel processo continuo di rimodellamento osseo in un delicato equilibrio. Durante questo processo, osteoblasti - "The Good Guys" - messo di calcio nella matrice dell'osso e la formazione di ossa più forti, e osteoclasti - "i cattivi" - prendono calcio via, diminuendo la forza interna dell'osso. Il rimodellamento osseo è come un gioco necessario di tiro alla fune tra i ragazzi dei beni e il male. Massa ossea e contenuto minerale regolare costantemente durante tutto il ciclo di vita per sostenere i posti sullo scheletro in cui si verifica la forza più esterno.

Aredia (disodio pamidronato) e Zometa (acido zoledronico) iniezioni di Novartis sono i due bisphophosphonates endovenosi utilizzati in chemioterapia. Novartis ha cambiato la loro etichettatura nel mese di agosto. Merck Fosamax® (alendronato) e Procter and Gamble Pharmaceuticals Actonel (risedronato sodico) sono i bifosfonati orali più comunemente utilizzati, che sono indicati solo per l'osteoporosi. Etichettatura per le forme orali non è stato modificato. "La forma orale è molto meno potente rispetto alla forma per via endovenosa e sembra essere sostanzialmente meno probabilità di causare il problema", ha detto il dottor Ruggiero.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha