Medicinali 'albero spazzolino' produce antibiotici nel trattamento TB in modo nuovo

Maggio 13, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un composto dall'albero spazzolino sudafricano inattiva un altro obiettivo per la tubercolosi in un modo inedito. Tubercolosi provoca più morti in tutto il mondo rispetto a qualsiasi altra malattia batterica. Allo stesso tempo, i tassi sono in aumento, i ceppi di resistenza stanno emergendo dovuta, in parte, per non conformità con il trattamento richiesto. Molti farmaci attuali sono quasi 50 anni e le alternative sono necessari per la lunga, impegnativa schemi di trattamento.

Il composto in fase di ricerca, diospyrin, si lega ad un sito romanzo su un enzima noto, chiamato DNA girasi, e inattiva l'enzima. Girasi DNA è essenziale per batteri e piante, ma non è presente in animali o esseri umani. Si è così stabilito un obiettivo efficace e sicuro della droga per gli antibiotici.

"Il modo in cui funziona diospyrin aiuta a spiegare perché è efficace contro i ceppi farmaco-sensibile e farmaco-resistenti di tubercolosi", ha detto il professor Tony Maxwell del John Innes Centre.




Nella medicina tradizionale si utilizzano le proprietà antibatteriche dell'albero per la salute orale e per il trattamento di disturbi fisici, quali bronchite, pleurite e malattie veneree. Ramoscelli dall'albero sono tradizionalmente utilizzati come spazzolini da denti.

La maggior parte degli antibiotici provengono da fonti Naturals, come i batteri Streptomyces suolo. Gli antibiotici derivati ​​da piante sono meno comuni, ma sono potenzialmente fonti ricche di nuovi farmaci.

"Estratti di piante utilizzate nella medicina tradizionale forniscono una fonte di nuovi composti che possono avere proprietà antibatteriche, che possono poi essere sviluppati come gli antibiotici", ha detto il professor Maxwell.

"Ciò evidenzia il valore di etnobotanica e il valore di mantenimento della biodiversità per aiutare a risolvere i problemi globali."

Il lavoro sul diospyrin e composti correlati naftochinone si continua dal professor Maxwell come parte degli sforzi di un consorzio di ricercatori europei, altri farmaci per la tubercolosi (MM4TB). La collaborazione tra 25 laboratori di tutta Europa è dedicato allo sviluppo di nuovi farmaci per la tubercolosi.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha