Metabolicamente donne sane hanno lo stesso rischio cardiovascolare indipendentemente BMI

Marzo 16, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Dr Schmiegelow ha detto: "L'obesità e/o disturbi metabolici (disturbi ipertensivi [ipertensione, ipertensione gestazionale o pre-eclampsia], disturbi del glucosio-metabolismo [diabete, il diabete gestazionale] e livelli elevati di colesterolo [dislipidemia]) sono ben noti fattori di rischio cardiovascolare . Studi in uomini di mezza età hanno scoperto che obesi e normali uomini di peso hanno lo stesso rischio cardiovascolare se sono metabolicamente sani. Il nostro studio si propone di scoprire se lo stesso valeva per le giovani donne fertili. "

Lo studio ha utilizzato i database sanitari nazionali danesi e seguì 261.489 donne che avevano partorito nel periodo 2004-2009 con nessuna precedente storia di malattia cardiovascolare. Le donne sono state divise in quattro categorie in base alla loro pre-gravidanza indice di massa corporea (BMI, kg/m2), e la presenza di disturbi metabolici (presente/non presente) (vedi figura). L'età media delle donne era di 31 anni.




Le donne sono state seguite per una media di 5 anni dopo il parto. Diagnosi di dimissione e dati su cause di morte sono stati utilizzati per determinare se le donne avevano un attacco di cuore, un ictus, o morte. Disturbi metabolici sono stati definiti sulla base dei dati di prescrizione dichiarati relativi a ipertensione, diabete e dislipidemia; quindi, solo i disturbi in trattamento sono stati presi in considerazione. I disturbi metabolici associati alla gravidanza sono state definite utilizzando i codici di diagnosi.

I ricercatori hanno scoperto che il sovrappeso (BMI≥25 kg/m2), ma metabolicamente sani non è stato associato ad un aumentato rischio di un attacco di cuore, ictus o una combinazione di infarto/ictus/morte rispetto al peso normale, le donne metabolicamente sani.

Dr Schmiegelow ha detto: "Essere in sovrappeso, ma privo di disturbi metabolici non sembra essere associato ad un aumento del rischio nelle donne giovani a breve termine, tuttavia, lo sviluppo di disturbi del metabolismo, per i quali l'obesità è un fattore determinante, è associato a una marcata. aumento del rischio cardiovascolare, specialmente nelle donne sovrappeso anche a breve termine ".

I ricercatori hanno trovato che i metabolicamente malsane, le donne in sovrappeso avevano un quasi 7 volte aumento del rischio di attacco di cuore e di 4 volte aumentato rischio di ictus.

Dr Schmiegelow ha detto: "E 'importante notare che i rischi assoluti sono ancora bassi in questa popolazione giovane, ma il messaggio chiave di questo studio è che le conseguenze dell'obesità si manifestano anche in un giovane, popolazione a basso rischio in un tempo relativamente breve periodo di follow-up. "

Ha aggiunto: "I nostri risultati mostrano chiaramente che il sovrappeso, ma metabolicamente sani non è associata ad un rischio cardiovascolare in eccesso rispetto alle normali donne sane di peso tuttavia essere di peso normale o in sovrappeso con disturbi metabolici è associata ad un marcato aumento del rischio che è presente. in una giovane popolazione femminile, con un'età media di soli 31 anni ed entro un breve lasso di follow-up. "

Dr Schmiegelow concluso:. "I nostri risultati indicano che l'obesità potrebbe non essere tutto negativo se la donna in sovrappeso non ha sviluppato alcun disturbi ipertensivi, disturbi del glucosio-metabolismo o elevati livelli di colesterolo, ma perché l'obesità aumenta notevolmente il rischio di sviluppare queste malattie metaboliche, questi donne molto probabilmente hanno una finestra di opportunità per perdere peso e cambiare la loro prognosi ".

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha