Metadone Promuove infezione da HIV in coltura cellulare

Aprile 8, 2016 Admin Salute 0 13
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Utrecht, Paesi Bassi - metadone, il farmaco che è ampiamente usato nei centri di trattamento farmacologico per il trattamento di eroinomani, stimola l'infezione da HIV di cellule immunitarie umane studiate in colture cellulari, secondo i ricercatori di immunologia dall'Ospedale dei Bambini di Philadelphia.

I ricercatori hanno proposto che i pazienti affetti da HIV ricevere metadone per il trattamento di abuso di droga dovrebbero avere il loro sangue e lo stato immunitario attentamente monitorati per possibili effetti negativi del trattamento. Hanno riferito i loro risultati oggi a una conferenza internazionale della psiconeuroimmunologia Research Society, riuniti a Utrecht.

E 'ben noto che i consumatori di droga per via endovenosa sono ad alto rischio per l'HIV e l'AIDS. Oltre alla malattia che si sviluppa da aghi contaminati da HIV, farmaci come la morfina ed eroina - classificato come oppiacei - hanno mostrato di stimolare la replicazione di HIV in cellule immunitarie umane. Il metadone è un oppiaceo sintetico che condivide molte proprietà biologiche e chimiche con la morfina e l'eroina. "Perché il metadone ha dimostrato di ridurre le risposte immunitarie umane, abbiamo deciso di studiarne gli effetti sulla infezione da HIV di cellule immunitarie umane", ha detto Wen-Zhe Ho, MD, un ricercatore di immunologia all'ospedale dei bambini, che ha presentato la ricerca.




Lavorando in colture cellulari, i ricercatori hanno scoperto che il metadone aumentata infezione da HIV di cellule microgliali umane e macrofagi, due importanti tipi di cellule immunitarie che sono serbatoi per il virus nel sistema nervoso centrale e nei tessuti periferici.

Inoltre, quando aggiunto a cellule del sangue prelevati da pazienti affetti da HIV, il metadone ha cambiato l'infezione da HIV latente a replicazione dell'HIV attiva nelle colture cellulari. La replica è il processo attraverso il quale l'HIV si diffonde dalle cellule infette in tutto il corpo di un paziente.

I ricercatori hanno anche studiato i possibili meccanismi attraverso i quali il metadone migliora l'infezione da HIV di queste cellule immunitarie. Essi hanno dimostrato che il metadone ha la capacità di aumentare l'espressione dei recettori CCR5 sulla membrana cellulare; questi recettori forniscono un metodo per l'HIV per entrare nelle cellule immunitarie. Inoltre, il loro studio ha dimostrato che il metadone potrebbe attivare HIV LTR, un promotore che provoca l'infezione HIV per passare dalla latenza allo stato attivo.

"Questi risultati supportano la nostra ipotesi che, come altri farmaci oppiacei, metadone può aumentare il rischio di infezione da HIV", ha detto il dottor Ho. "Ulteriori indagini dovrebbe essere fatto per studiare se i nostri risultati di laboratorio riflettono esattamente come l'infezione da HIV progredisce nei pazienti trattati con metadone." Nel loro documento, squadra del Dr. Ho suggerito che i pazienti con infezione da HIV in trattamento con metadone devono essere monitorati per i cambiamenti nella carica virale dell'HIV e conta delle cellule CD4, che sono entrambi indicatori di progressione della malattia in HIV/AIDS.

Oltre al dottor Ho, altri co-autori di Ospedale dei bambini erano Yuan Li, MD, Xu Wang, Sha Tian, ​​e Steven D. Douglas, MD Lo studio è stato sostenuto dal National Institutes of Health.

Fondata nel 1855 come il primo ospedale pediatrico della nazione, Ospedale dei Bambini di Philadelphia è classificato oggi come il miglior ospedale pediatrico nella nazione da un'indagine completa Child Magazine. Il suo programma di ricerca pediatrica, è tra i più grandi del paese, al secondo posto nella National Institutes of Health finanziamento.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha