Miglioramento delle prestazioni diagnostiche di bassi dosaggi di screening tomografia computerizzata

Aprile 25, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Gli investigatori del cosmo (osservazione continua dei soggetti fumatori) studio mostrano una buona compliance e gli esiti di sopravvivenza dei pazienti con una tomografia di 5 anni a basso dosaggio computerizzata (LDCT) protocollo di screening nei soggetti ad alto rischio di sviluppare il cancro ai polmoni. Questo protocollo ha avuto un minor numero di pazienti che necessitano di ulteriore diagnostico follow-up rispetto ad altri studi, tra cui il Screening Trial Nazionale Lung Cancer (NLST), con un numero minimo di diagnosi errate.

Il tasso di sopravvivenza a 5 anni per il cancro polmonare precoce diagnosi è del 50%, ma dopo che il tumore si è diffuso in regioni lontane, è solo il 4%. Recentemente, il NLST ha mostrato una riduzione della mortalità del cancro del polmone del 20% con LDCT rispetto a radiografia del torace, che ha verificato che la diagnosi precoce può ridurre i decessi per cancro ai polmoni. Tuttavia, pochi studi hanno valutato rigorosamente le prestazioni, invasività e gli effetti collaterali di diagnostica di protocolli di screening LDCT con duraturo follow-up.

Lo studio COSMOS proiettato 5203 asintomatici soggetti ad alto rischio (di età ≥50 anni e ≥20 pacchetto fumatori storia) che, sulla base dei criteri di studio, sia andato ad altre procedure diagnostiche (CT, PET, o interventi chirurgici) per verificare il cancro del polmone, o erano nuovo controllo ogni anno per i prossimi 4 anni. Tutti i soggetti sono stati clinicamente seguiti per una mediana di 5,2 anni.




I risultati di questo studio, riportato nel numero di luglio del Journal of Thoracic Oncology (JTO), la rivista ufficiale della Associazione Internazionale per lo Studio del Cancro del Polmone, mostrano che, nel complesso, il 79% dei partecipanti è rimasto sullo studio per 5 anni e solo il 6,4% ha richiesto un procedimento al di là del LDCT annuale. Cancro al polmone primario è stata diagnosticata in 175 pazienti e il 78% di questi sono stati diagnosticati con malattia localizzata. A causa delle dimensioni e lungo follow-up, c'erano 23.116 anni-persona di osservazione. Pertanto, il tasso di individuazione del cancro del polmone complessiva è stata di 0,76 per 100 persone-anno. Dei 204 procedure diagnostiche invasive, 29 erano benigna per il cancro polmonare, 34 avevano complicanze minori, 12 complicanze maggiori e 1 decesso post-operatorio è stato segnalato. Ci sono stati 14 i casi in cui le lesioni non sono stati diagnosticati come il cancro, ma sono stati poi determinati a essere il cancro sullo screening annuale successiva. Una percentuale elevata di tumori (87%) sono stati trattati con l'intento di curare e il generale a 5 anni la sopravvivenza è stato del 78%.

"I risultati del protocollo workup COSMOS per noduli indeterminati rilevati con lo screening LDCT sono incoraggianti, in particolare il basso richiamo e tassi di diagnosi in ritardo, così come la buona sopravvivenza a lungo termine", afferma Dr Giulia Veronesi, autore principale dello studio e membro di IASLC. "Tuttavia, il workup può ancora essere migliorata, eventualmente adattando l'intervallo di screening per il rischio di singolo essere analizzato usando un algoritmo di valutazione del rischio che eventualmente includere anche nel prossimo futuro marcatori molecolari come una firma espressione microRNA nel siero."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha