Milioni di caregiver informali a rischio per il dolore cronico, lesioni cercando di aiutare familiari disabili

Maggio 18, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Più di dieci volte al giorno, il 67 anni, Margie aiuta il marito alzarsi per andare in bagno, mangiare un pasto o entrare e uscire dal letto, e lotta per spingere la sua sedia a rotelle su per la rampa che fornisce l'accesso alla loro casa.

Margie è uno dei circa 42,1 milioni non pagati, caregivers informali che ogni anno, forniscono il supporto del valore di oltre 450 miliardi dollari per gli adulti, di solito i membri della famiglia, con disabilità fisiche e le altre condizioni che impongono limitazioni sulle attività quotidiane. E come molti caregiver informali, lei soffre di schiena cronico, spalla e dolore al ginocchio dal lavoro fisicamente impegnativo - il dolore che a volte le impedisce di prendersi cura di suo marito.

Secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della Ohio State University, l'esperienza di Margie è comune, soprattutto tra i circa 14 milioni di operatori sanitari "alto peso" (definiti da Alleanza Nazionale per Caregiving e AARP come persone che trascorrono più di 21 ore alla settimana assistere i beneficiari di assistenza con le attività della vita quotidiana).




"Quasi tutti i caregivers che hanno partecipato a questo studio hanno detto che sperimentano un rilevante disagio muscolo-scheletrico in relazione ad attività di caregiving, e che questo disagio può interferire con la loro capacità di fornire cure, il lavoro e partecipare alle attività di vita", ha detto Amy Darragh, PhD, un terapista occupazionale alla scuola di Ohio State della Salute e Scienze della Riabilitazione che ha vinto una borsa di studio pilota della Ohio State Center for clinica e traslazionale scienza per studiare le lesioni badante.

La ricerca, basata su questionari e interviste a 46 caregiver informali, ha dimostrato che in quattro settimane 94% riferito vivendo il dolore muscolo-scheletrico in almeno una parte del corpo, con la parte bassa della schiena (76%), ginocchio, spalla e del polso (43% ciascuno ) essendo i siti più comuni per il disagio. Più del 78% dei caregiver ha dichiarato che il dolore influenzato la loro capacità di fornire assistenza, e il 66% ha detto che il dolore influenzato la loro qualità di vita.

Darragh condotto lo studio con Carolyn Sommerich, PhD e Steve Lavanda, PhD dal Dipartimento di Stato dell'Ohio di sistemi integrati di ingegneria e di Ortopedia e Marc Campo, PhD del Dipartimento di Terapia Fisica presso Mercy College (Dobbs Ferry, NY). Il team di ricerca ha chiesto caregivers di identificare i compiti che sentivano erano più fisicamente impegnativo. Caregivers riferito che i trasferimenti, in bagno, la balneazione, la navigazione scale, e il recupero da cadute sono stati i più difficili da eseguire.

"È interessante notare, caregivers professionali riferire esperienze simili, ma hanno accesso sia la formazione e la tecnologia che aiutano a ridurre il rischio di lesioni. Caregivers informali non possono ricevere una formazione su come gestire i pazienti senza ferire se stessi o il loro amato", ha detto Darragh. "La nostra ricerca offre un primo sguardo a quali attività possono portare il più alto rischio di lesioni, e possono informare lo sviluppo di interventi per proteggere questi caregivers alto onere."

I risultati dello studio, pubblicati sul Journal of Applied Gerontologia, stanno aiutando Darragh e la sua squadra di fare proprio questo.

Utilizzando i risultati dello studio pilota, la squadra, sostenuta da una sovvenzione della Cummins Endowment, stanno sviluppando e testando un protocollo di intervento che sia efficiente, conveniente e flessibile, e può essere utilizzato in più diagnosi e ambienti di cura. Il team sta attualmente convalidando il protocollo e spera di testarlo in una popolazione più ampia nel 2015.

"Il nostro protocollo sta considerando fattori multipli al fine di ridurre il rischio di lesioni del caregiver - compito stesso, la frequenza dei compiti, l'ambiente domestico, il rapporto tra il destinatario caregiver e cura, l'accesso alle risorse - fattori che sono importanti esaminare congiuntamente ", ha detto Darragh.

Darragh, che è un esperto riconosciuto a livello nazionale sugli infortuni badante e massima sicurezza del paziente, suggerisce i seguenti suggerimenti per caregivers informali, in particolare quelli che forniscono cure di alta intensità che richiede compiti fisicamente impegnative:

1) Allenarsi. Risorse locali, tra cui ospedali, la Croce Rossa e le agenzie della zona sull'invecchiamento offriranno formazione classi per i caregivers. L'Alleanza Nazionale per Caregiving ha una biblioteca online di risorse che possono aiutare.

2) Organizzati. Documentate tutto ciò che state facendo e tenere un elenco delle vostre attività. Mantenere buoni dischi, tenere traccia di chi parli. File note sulle risorse e gruppi di sostegno.

3) AIUTO. Non abbiate paura di chiedere i familiari e gli amici per aiutare. Essere disposti ad accettare aiuto quando è offerto. "Mantenere un elenco di grandi e piccole cose che si potrebbero utilizzare aiuto direttamente sul telefono in modo che quando la gente offre, avete proprio lì", suggerisce Darragh. Se mai senti come non si può mantenere se stessi o il vostro destinatario cura sano e sicuro, Darragh suggerisce è il momento di chiedere risorse aggiuntive. "Caregiving è dura, e come malattie cambiamento, ha bisogno di cambiare. E 'OK se non siete in grado di farlo da soli più".

4) GET CURA. Prendersi cura di se stessi! Mantenere sano. "Gli operatori sanitari hanno difficoltà a mettere se stessi in primo luogo a volte", ha detto Darragh. Mangiare bene, dormire bene, vedere il vostro medico regolarmente. Essere sicuri di prendere piccole pause per lei ogni giorno.

5) Informarsi. Ulteriori informazioni disponibili risorse della comunità come la cura di giorno per adulti, programmi di sollievo, gruppi di sostegno e di volontari che possono aiutare. Anche se non avete bisogno le risorse ora, si può in seguito.

"Milioni di persone e il nostro sistema sanitario si basano su questi caregivers. Valore Molti caregivers cura per un amico o un familiare, ma possono anche essere a rischio di dolore, disagio o lesioni di svolgere attività assistenziale," ha dichiarato Darragh. "Quanto più si sa di quello che passano, i migliori interventi, risorse e tecnologie che possono sviluppare per mantenere loro ei loro cari sani e sicuri."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha