Mistero risolto: Potenza di oro contro malattie autoimmuni Definito

Aprile 11, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Composti d'oro sono stati utilizzati per il trattamento dell'artrite reumatoide e di altre malattie autoimmuni per più di 75 anni, ma fino ad ora, come il lavoro metalli è stato un mistero. I ricercatori della Harvard Medical School riportano nel 27 febbraio questione di Nature Chemical Biology che le forme speciali di oro, platino, e altre classi di metalli medicinale lavoro di strippaggio batteri e particelle virali dalla morsa di una proteina chiave del sistema immunitario.

"Eravamo alla ricerca di un nuovo farmaco per il trattamento di malattie autoimmuni", dice Brian Dedecker, PhD, studente di post-dottorato HMS presso il Dipartimento di Biologia Cellulare e uno studio co-autore. Al momento di questo lavoro, Dedecker era in Harvard Medical School Istituto di Chimica e Biologia Cellulare, che utilizza potenti strumenti chimici per illuminare i processi biologici complessi e fornire nuovi indizi per lo sviluppo di farmaci. "Ma invece abbiamo scoperto un meccanismo biochimico che può aiutare a spiegare come funziona un vecchio farmaco."

Dedecker e co-autore Stephen De Muro, PhD, hanno intrapreso una ricerca su larga scala per i nuovi farmaci che potrebbero sopprimere la funzione di una componente importante del sistema immunitario, MHC di classe II proteine, che sono associati a malattie autoimmuni. Proteine ​​MHC di classe II normalmente tenere pezzi di invadere batteri e virus sulla superficie delle cellule di presentazione dell'antigene specializzate. Presentazione di questi pezzi avvisa altre cellule di riconoscimento specializzate del sistema immunitario chiamate linfociti, che inizia la normale risposta immunitaria. Di solito questa risposta si limita a batteri e virus dannosi, ma a volte questo processo va storto e il sistema immunitario si volge verso il corpo stesso che causa malattie autoimmuni come il diabete giovanile, Lupus, e l'artrite reumatoide.




Durante la loro ricerca attraverso migliaia di composti hanno scoperto che il farmaco cancro noto, cisplatino, un farmaco contenente il disco di platino in metallo, direttamente spogliato molecole estranee dalla classe di proteine ​​MHC II. Da lì, hanno scoperto che il platino è stato solo un membro di una classe di metalli, tra cui una speciale forma di oro, che rendono tutto MHC di classe II proteine ​​inattive.

In successivi esperimenti in coltura cellulare, composti di oro sono stati mostrati per rendere l'antigene sistema immunitario cellule presentanti inattiva, rafforzando ulteriormente questa connessione. Questi risultati ora dare ricerche un meccanismo di azione dei farmaci oro che può essere testato e analizzato direttamente in tessuti malati.

Nel 1890, un medico tedesco di nome Robert Koch ha scoperto che l'oro effettivamente ucciso i batteri che hanno causato la tubercolosi. Nel 1930, sulla base di un collegamento diffusa ma probabilmente erronea all'epoca tra tubercolosi e l'artrite reumatoide, un medico francese, Jacques Forestier, sviluppato l'uso di farmaci oro per il trattamento di artrite reumatoide. Farmaci d'oro sono stati utilizzati da allora come un trattamento efficace per questa e altre malattie autoimmuni come il lupus, ma il trattamento può richiedere mesi per l'azione e talvolta presenta gravi effetti collaterali che hanno diminuito il loro uso negli ultimi anni.

Con questa nuova comprensione di come funzione di questi metalli, può ora essere possibile sviluppare una nuova generazione di farmaci a base di oro nel trattamento dell'artrite reumatoide e di altre malattie autoimmuni che sono più efficaci con minori effetti collaterali.


(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha