Misurare le incertezze di una pandemia di influenza

Giugno 1, 2016 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una grande collaborazione tra i centri di ricerca degli Stati Uniti ha evidenziato tre fattori che alla fine potrebbero determinare se un focolaio di influenza diventa un'epidemia grave che minaccia la salute nazionale. La ricerca suggerisce che i numeri di piani di risposta attuale potrebbe essere da un fattore di due o più a seconda delle caratteristiche del particolare pandemica.

Ricercatori provenienti da Argonne, Los Alamos e Sandia National Laboratories, e il National Renewable Energy Laboratory, hanno usato analisi di sensitività per scoprire le più importanti caratteristiche della malattia relative alla diffusione di infezione da un virus influenzale. Questi sono: la frazione della trasmissione che avviene prima sintomi, il numero riproduttivo, e la lunghezza di ogni stadio della malattia. Il loro uso dei dati da pandemie del passato, nonché informazioni sulla possibile evoluzione virale dimostra che la pianificazione della risposta corrente può sottovalutare le conseguenze pandemia in modo significativo.

"E 'diventato fondamentale per valutare il potenziale gamma di conseguenze di una pandemia influenzale, data l'incertezza circa le sue caratteristiche della malattia mentre indaga i rischi e le strategie di mitigazione di vaccini, farmaci antivirali, e le misure di distanziamento sociale", spiega Jeanne Fiera di Los Alamos National Laboratory ei suoi colleghi. Il team ha utilizzato un modello di simulazione e rigoroso disegno sperimentale con analisi di sensitività per mostrare gli estremi di conseguenze di una potenziale pandemia negli Stati Uniti. La simulazione incorpora incertezza nell'evoluzione e le caratteristiche del patogeno e differenze nella risposta all'epidemia, e le incertezze nella risposta sociologica a una pandemia.




Anche se siamo ancora ad affrontare un'epidemia di influenza aviaria H5N1, il team suggerisce che essi hanno tuttavia potuto sviluppare un scenario peggiore per tutte le possibilità in considerazione i tassi di mortalità e infettività base di conoscenze storiche e attuali modelli risalenti al 1917-1918 pandemia globale. Essi suggeriscono che un futuro peggiore pandemia di influenza potrebbe essere fino a quattro volte più letale come la pandemia che si è verificato verso la fine della Grande Guerra. Inoltre, la loro simulazione suggerisce che l'uso di farmaci antivirali potrebbe non essere efficace come le autorità sanitarie dovrebbero sperare. Una nota positiva, hanno scoperto che distanziamento sociale potrebbe essere il modo più efficace per contenere la diffusione di infezioni, riducendo utilmente i sintomi in media del 16%, anche se costerà il 50% in più rispetto l'uso antivirale attraverso giorni di lavoro persi e del commercio.

"Dobbiamo prepararci per la peggiore delle ipotesi durante la preparazione per una pandemia?" chiede Fiera. "Mentre lo scenario peggiore è davvero il peggio, potrebbe non essere più probabile. Per quanto riguarda i tassi di mortalità, il 1918 è stato il peggiore, ma in realtà era ancora solo circa il 2% che potrebbe essere considerato basso." Mentre, la prossima pandemia potrebbe essere peggiore di quella del 1917-1918, lo scenario peggiore potrebbe non essere così probabile, conclude il team. Il loro studio supporta i risultati precedenti che nessun singolo, strategia pura è meglio e che sarà necessario un mix di interventi farmacologici e non farmaceutici per contenere la malattia e ridurre il numero totale di morti. Sarebbe prudente incorporare questi risultati nella pianificazione per la prossima pandemia, il team afferma.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha