Miti tabacco persistono a 50 anni dalla US Surgeon General ha avvertito gli americani di pericoli fumatori

Aprile 26, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

"Dal 1964, i tassi di fumo sono diminuite di oltre la metà a causa della formazione di successo, gli sforzi per smettere di fumare e legislativo", ha detto Lewis Foxhall, MD, vice presidente per la politica sanitaria a MD Anderson. "Eppure, il cancro del polmone rimane il killer numero uno del cancro e la principale causa evitabile di morte negli Stati Uniti."

Con l'avvicinarsi del 50 ° anniversario rapporto del Surgeon General, Foxhall e altri esperti MD Anderson spingono il pubblico a prendere una posizione proattiva contro questo problema di salute pervasiva da approfondire la conoscenza su temi attuali del tabacco, comprese le informazioni che smentisce i seguenti miti.




Tabacco Mito # 1: Quasi nessuno fuma più.

Fatto: Circa 43,8 milioni di persone ancora fumo. Che è quasi una persona su cinque negli Stati Uniti.

"La percentuale attuale di fumatori è del 19%. Questo è significativamente inferiore al 42% nel 1965", ha detto Foxhall. "Tuttavia, il numero effettivo di persone che fumano oggi è vicino allo stesso." Circa 50 milioni di persone fumavano nel 1965. "Poiché la nostra popolazione è molto più grande, appena sembra che abbiamo molto meno fumatori," Foxhall spiegato.

"Abbiamo un sacco di lavoro da fare per prevenire nuovi fumatori e aiutare i fumatori a smettere esistenti," ha detto Ellen R. Gritz, Ph.D., professore e presidente della scienza del comportamento al MD Anderson. "Grazie a programmi come verità campagna antifumo nazionale della American Legacy Foundation, siamo stati in grado di raggiungere un minor numero di giovani fumatori", ha detto Gritz, una precedente vice presidente sulla scheda Legacy. "Ma i finanziamenti per queste campagne è limitata e in grado di competere con i dollari di pubblicità esorbitanti e apparentemente illimitate spesi dalle aziende produttrici di tabacco."

Tabacco Mito # 2: e-sigarette, sigari e narghilè sono alternative sicure.

Fatto: Tutti i prodotti del tabacco, tra cui e-sigarette e narghilè, hanno nicotina. Ed è proprietà altamente addictive di nicotina che rendono questi prodotti nocivi.

Nel 2008, i cinque produttori di sigarette più grandi hanno speso 9,94 miliardi dollari di dollari in pubblicità e marketing prodotti come e-sigarette, sigari aromatizzati, sigaretti e narghilè.

"L'industria del tabacco si presenta con questi nuovi prodotti per reclutare nuovi fumatori più giovani", ha detto Alexander Prokhorov, MD, Ph.D., direttore del Programma Education tabacco Outreach al MD Anderson. "E, li pubblicizzano come meno dannose di quelle sigarette tradizionali. Ma una volta che un giovane viene a conoscenza con la nicotina, è più probabile che lui o lei cercherà altri prodotti del tabacco."

"Mentre e-sigarette possono contenere sostanze meno nocive di tabacco combustibili, sono attualmente regolamentata controllo in modo di qualità sul contenuto di nicotina e di altre componenti è lasciato al produttore," ha detto Paul Cinciripini, Ph.D., professore e vice presidente della scienza del comportamento e direttore del programma di trattamento del tabacco al MD Anderson.

"In questo momento, è troppo presto per dire se le e-sigarette possono essere utilizzate efficacemente come un dispositivo per smettere di fumare", ha detto Cinciripini.

Tabacco Mito # 3: non frequente, il fumo sociale è innocuo.

Fatto: Qualsiasi fumare, anche il fumo sociale, è pericoloso.

"La scienza non ha individuato un livello di sicurezza di fumare, e anche qualche sigaretta qua e là in grado di mantenere la dipendenza," ha detto David Wetter, Ph.D., presidente della ricerca di salute disparità al MD Anderson. "Se sei un ex fumatore, i dati suggeriscono che avere un solo soffio può inviare di nuovo a fumare."

Tabacco Mito # 4: Fumare fuori elimina i pericoli del fumo passivo.

Fatto: Non esiste un livello privo di rischio di esposizione al fumo passivo. Anche una breve esposizione al fumo passivo può causare danni. L'esposizione al fumo passivo a casa o al lavoro aumenta il rischio di una persona di malattie cardiache del 25 al 30% e il cancro ai polmoni del 20 e 30%. Questo perché la quantità di sostanze chimiche cancerogene è più alto in fumo passivo rispetto al fumo inalato dai fumatori. Le famiglie che vietano il fumo dentro e intorno alla casa sono sulla strada giusta, ha detto Wetter.

Rimani informato e agire

"Essere educati e condividere questa conoscenza con gli altri sono modi per azione", ha detto Ernest Hawk, MD, vice presidente di prevenzione del cancro e di popolazione scienze al MD Anderson. "Per i fumatori, non è mai troppo tardi per smettere di fumare e di trarre benefici per la salute."

Come parte del programma di studio della Luna di MD Anderson alla fine il cancro, Hawk e altri esperti hanno messo a punto un piano globale che affronta l'onere del consumo di tabacco in istituzioni, comunità, stati e nazioni.

"Il piano End Tobacco raccomanda più di 100 azioni nei settori della politica, istruzione e servizi basati sulla comunità che MD Anderson può portare al tabacco fine ai, regionali, statali livello nazionale e internazionale, istituzionali locali", ha detto Hawk. "Come leader nel campo della ricerca sul tabacco, è di vitale importanza prendiamo un ruolo di leadership per affrontare l'uso di tabacco in qualsiasi forma."

Più di 200.000 persone con diagnosi di cancro del polmone ogni anno negli Stati Uniti e circa 150.000 persone muoiono a causa di questa malattia. Il fumo contribuisce a quasi il 90% delle morti per cancro del polmone e il 30% di tutte le morti per cancro.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha