Moderatamente ridotto carboidrati dieta mantiene le persone sensazione piena più a lungo

Marzo 12, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una modesta riduzione della quantità di carboidrati consumati, senza restrizione calorica e la perdita di peso, sembra aumentare un senso di pienezza, che può aiutare le persone a mangiare di meno, uno studio preliminare ha trovato. I risultati sono stati presentati al 91 ° Meeting Annuale della Endocrine Society a Washington, DC

"C'è stato un grande interesse pubblico nelle diete a basso contenuto di carboidrati per la perdita di peso, ma sono difficili da mantenere, in parte a causa della drastica riduzione dei carboidrati", ha detto il coautore Barbara Gower, PhD, professore presso il Dipartimento di Scienze della Nutrizione, University of Alabama a Birmingham.

In questo studio, finanziato dal National Institutes of Health, Gower ed i suoi collaboratori hanno esaminato se una modesta riduzione dei carboidrati alimentari, o "carboidrati", migliorerebbe i sentimenti di pienezza di meglio di un livello paragonabile a quello di carboidrati della dieta tipica degli Stati Uniti.




In una dieta americana standard, secondo Gower, il 55 per cento delle calorie giornaliere consumato proviene da carboidrati: zuccheri, amidi e fibre. La dieta di controllo utilizzato nel loro studio conteneva il 55 per cento delle calorie giornaliere dai carboidrati, in contrasto con la loro "moderata carb dieta" che era 43 percento delle calorie da carboidrati. La dieta moderata-carb aveva più grasso del loro controllo della dieta-39 per cento contro il 27 per cento delle calorie, in modo che l'assunzione di proteine ​​potrebbe essere la stessa percentuale. I ricercatori hanno abbinato l'assunzione di proteine ​​di entrambe le diete studiate (18 per cento delle calorie) perché la proteina può influenzare sia sazietà ("pienezza") e la secrezione di insulina.

Gli autori hanno assegnato la dieta moderata di carboidrati a 16 adulti e la dieta standard a 14 adulti per un mese. I soggetti hanno ricevuto abbastanza calorie per mantenere il loro peso a quello che era prima dello studio. Durante lo studio sono stati pesati ogni giorno della settimana, e se un partecipante ha guadagnato o perso peso, la quantità di cibo è stato modificato in modo singolarmente peso potrebbe rimanere lo stesso. Dopo i soggetti regolati alla loro dieta per 4 settimane, hanno mangiato un pasto di prova, una colazione che era specifico per la loro dieta.

Quando i carboidrati sono mangiati e digeriti, cambiano in zucchero. Prima e dopo il pasto, i ricercatori hanno misurato i livelli di insulina e di glucosio circolante (non a digiuno di zucchero nel sangue) dei soggetti e ha chiesto loro di valutare la loro fame o pienezza. Hanno valutato la risposta insulinica ad un pasto e di zucchero nel sangue i livelli, perché minore di insulina e livelli di zucchero nel sangue stabili possono contribuire a un maggior senso di pienezza, Gower spiegato.

La ricerca ha dimostrato che, anche in assenza di perdita di peso, una modesta riduzione dei carboidrati alimentari era sufficiente per abbassare insulina e stabilizzare lo zucchero nel sangue dopo un pasto. Valutazioni di pienezza erano più alti nel gruppo sulla dieta moderata di carboidrati prima di mangiare la prima colazione e siamo stati superiori per un tempo più lungo dopo il pasto, rispetto a quelli che mangiano la dieta standard.

"Nel lungo periodo una modesta riduzione sostenuta in carboidrati può aiutare a ridurre il consumo di energia e facilitare la perdita di peso", ha detto Gower.

Paula Chandler-Laney, PhD, della University of Alabama a Birmingham ha presentato i risultati dello studio.

(0)
(0)
Articolo successivo Lesser Seed Finch

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha