Moderna impiantabile Cuore dispositivi di sicurezza per l'uso in MRI Scans

Aprile 17, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Gli scienziati della Johns Hopkins hanno scoperto che i moderni dispositivi cardiaci impiantati - quali pacemaker e defibrillatori - sono sicuri per l'uso in risonanza magnetica (MRI) macchine, uno strumento di diagnostica per immagini e lungo governato potenzialmente non sicuri e off-limits per oltre 2 milioni americani che attualmente essi hanno nei loro corpi. Il team di Johns Hopkins ha sviluppato anche nuove linee guida per il loro uso, rendendo scansioni MRI più a disposizione di persone che potrebbero beneficiare di diagnosi precoce del cancro e di altre malattie, quando i trattamenti sono più probabilità di successo, e per guidare i dispositivi durante chirurgia mini-invasiva.

Durante un periodo di quattro mesi, il team della Johns Hopkins testato 18 differenti pacemaker e 15 defibrillatori impiantabili precedentemente trovato sicuro in esperimenti su animali. In uno studio di 33 pazienti sottoposti a 38 scansioni separati, i ricercatori regolati programma di stimolazione del dispositivo e abbassare i livelli di energia sequenza MRI per vedere se la scansione influenzato le impostazioni o causati qualsiasi altro tipo di problema, come il riscaldamento dei conduttori elettrici e tessuto circostante . Tutti i pazienti ei dispositivi sono stati attentamente monitorati durante le scansioni, alcuni dei quali durò fino a 1,5 ore, e le misurazioni ripetute weremade in media 24 giorni dopo la risonanza magnetica per misurare eventuali complicanze a lungo termine. Non sono stati osservati effetti negativi. L'unica lamentela era citato claustrofobia, che è comunemente associato con gli stretti confini dello scanner MRI.

Nuove linee guida dei ricercatori avvertono che solo i dispositivi moderni, prevalentemente modelli degli ultimi sette anni, sono sicuri in risonanza magnetica e richiedono scansioni-livello energetico basso, evitando impostazioni di scansione superiore a 2 watt per chilogrammo, che potrebbero portare ad un surriscaldamento. Il protocollo raccomanda inoltre un attento monitoraggio da un cardiologo e un radiologo, e con risonanza magnetica solo quando clinicamente necessario e quando i test diagnostici alternativi non sono raccomandati.




Valutazione di un protocollo di sicurezza per indicazione clinica risonanza magnetica di pazienti con pacemaker permanente e defibrillatori impiantabili a 1.5 Tesla. Saman Nazarian, Ariel Roguin, Menekhem Zviman, Albert Lardo, Timm Dickfield, Ronald Berger, David Bluemke, e Henry Halperin.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha