Molecola aiuta Rebound Sleep-privato Mentalmente

Aprile 14, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Lavorare con i topi, hanno scoperto che una molecola chiamata recettore adenosina è necessaria per gli animali sonno limitati a raggiungere adeguati livelli di attività onde lente nel cervello una volta sonno normale riprende. E 'questo aumento di attività a onde lente, o SWA, durante il sonno rimbalzo che aiuta a ripristinare la memoria di lavoro normale e abilità di attenzione per la privati ​​del sonno, gli scienziati rapporto nel 4 febbraio del Journal of Neuroscience.

"Società normale spinge la gente a bruciare le candele su entrambi i lati - di andare a letto tardi, alzarsi presto, e in qualche modo di eseguire mentalmente con la mancanza di sonno adeguato", ha detto l'autore senior Dr. Robert Greene, professore di psichiatria presso UT Southwestern. "Abbiamo bisogno di avere i nostri recettori dell'adenosina intatti per farlo."




Recettori sulle cellule nervose, comprese le cellule cerebrali, sono simili a punti di attracco per l'adenosina molecola. Livelli di adenosina aumentano nel cervello con ogni ora di risveglio attività, e "aggancio" della molecola con il suo recettore è mostrato in questo studio per promuovere l'attività onde lente del sonno. Gli scienziati hanno saputo che il recupero da privazione del sonno coinvolge non solo un aumento del tempo di sonno, o il sonno rimbalzo, ma anche un aumento della questa attività a onde lente.

Per studiare come recettori dell'adenosina e SWA potrebbero essere collegati, il dottor Greene e la sua squadra di ingegneria topi che mancava un recettore per coppia con adenosina.

Topi sonno-ristretto sono stati tenuti svegli per essere immessi su un tapis roulant in movimento. I ricercatori hanno poi monitorato elettronicamente il sonno e la veglia l'attività di entrambi i topi normali e geneticamente modificati, incluso il monitoraggio elettronico delle onde cerebrali degli animali. I topi anche viaggiato un labirinto con otto percorsi, ognuno con un pezzo di cioccolato, alla fine di esso.

Misurazioni elettroniche hanno mostrato che, a differenza topi normali, i topi privi del recettore dell'adenosina non potrebbero aumentare l'intensità della loro attività onda lenta in risposta alla privazione del sonno. In normali condizioni di sonno sia i topi normali e mutanti erano quasi sul test del labirinto senza errori. Tuttavia, quando privati ​​del sonno, i topi ingegnerizzati reso notevolmente più errori nel test del labirinto delle loro controparti normali. Questo tipo di prova di capacità rappresenta l'equivalente umano di attenzione e di memoria di lavoro necessaria per multitasking o costruire su compiti già fatto, ad esempio assegnazione di un numero di telefono, per raggiungere una penna per scriverla e ricordando il numero, ha detto il dottor Greene .

Collegamento la mancanza di funzionamento recettori dell'adenosina a depresso normale risposta rimbalzo SWA potrebbe aiutare a sviluppare trattamenti per le persone con deficit cognitivi legati al sonno, ha detto.

La ricerca inoltre spiega ulteriormente gli effetti della caffeina, che anche "bacini" di recettori dell'adenosina, impedendo l'attracco di adenosina e mantenendo la caffeina bevitore svegli. Dr. Greene confrontato risposta comportamento dei topi di studio sul test del labirinto di come una persona che beve una "tazza di caffè permanente" potrebbe comportarsi.

"Probabilmente non otterrà la quantità regolare di attività onde lente o sonno profondo come farebbero normalmente," ha detto il dottor Greene. "Questo non vuol dire che il caffè è male, ma a bere tutto il tempo o la sera potrebbe influenzare le prestazioni mentali il giorno dopo."

I ricercatori prossimo saranno indagare la relazione tra sonno, l'adenosina e il metabolismo energetico, un processo biologico in cui l'adenosina svolge un ruolo chiave.

Altri ricercatori di UT Southwestern coinvolti nello studio sono stati autore principale dott Theresa Bjorness, postdottorato ricercatore in psichiatria, e Virginia Poffenberger, tecnico di ricerca in psichiatria.

Lo studio è stato finanziato dal Dipartimento degli Affari dei Veterani e il National Institutes of Health.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha