Molecola naturale impedisce indirettamente la formazione di coaguli stabile

Maggio 12, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Uno scienziato da The Scripps Research Institute ha identificato un nuovo ruolo per una molecola di segnalazione naturale nel prevenire la formazione di coaguli di sangue. La molecola potrebbe diventare un bersaglio per lo sviluppo di trattamenti innovativi e convenienti per le malattie della coagulazione del sangue come l'emofilia A.

I risultati, da uno studio di Scripps Research Assistant Professor Laurent O. Mosnier, sono stati pubblicati in una recente edizione del Journal of Biological Chemistry.

Lo studio si è concentrato su Platelet Factor 4 - un piccolo citochina (molecola di segnalazione intracellulare) rilasciato durante l'aggregazione piastrinica.




Sulla base di fattore piastrinico 4 effetti su un'altra proteina di coagulazione, si pensava che Platelet Factor 4 potrebbe potenzialmente stimolare l'attivazione di inibitore della fibrinolisi trombina-attivabili (TAFI) - un enzima (proteina solubile) che protegge la longevità coagulo, rendendo coaguli durare più a lungo e prevenire eccesso di sanguinamento; TAFI è come un indurente che viene aggiunto alla malta usata tra i mattoni in un muro, senza che la malta sarebbe mai completamente solidificare, e la parete sarebbe mai solido.

Il nuovo studio, tuttavia, ha trovato esattamente il ruolo opposto per Platelet Factor 4 - l'inibizione dell'attivazione TAFI.

Per Mosnier, questo risultato ha portato ad un'idea radicale - sequestrando Platelet Factor 4 utilizzo di tali molecole come derivati ​​eparina potrebbe migliorare la stabilità del coagulo. Eparina - un glucoseaminoglycan altamente solfato o carica negativa (polisaccaride derivato o zucchero) - è un anticoagulante comunemente usato. Mosnier, tuttavia, era in grado di modificare il composto avere l'effetto opposto e aiuti coagulazione del sangue in prove di laboratorio.

"L'idea di utilizzare eparina per prevenire le emorragie in bambini [che hanno sanguinamento tendenze] sarebbe scandaloso perché sarebbe solo accelererà enormemente sanguinamento", ha detto Mosnier, "Il nostro trucco, però, era di modulare le proprietà anticoagulanti di eparina. Questo apre nuove possibilità . "

Conversione da un anticoagulante eparina in un non-anticoagulante

Attività anticoagulante di eparina è derivato da un modello specifico di azoto e ossigeno-linked solfatazione (o semplicemente cariche negative) che è riconosciuto da anti-trombina - la Inattivatore della coagulazione. Tuttavia, oltre al legame ad eparina anti-trombina si lega anche al fattore piastrinico 4, che è scintillava con carica positiva, e attraggono l'un l'altro come magneti.

Mosnier trovato l'attività anticoagulante di eparina potrebbero essere evitati, e il suo fattore piastrinico 4 rilegatura selezionato per, rimuovendo selettivamente i sulfations N-linked (e ulteriori acetilazione). Questo effettivamente impedito eparina di essere riconosciuto da anti-trombina e ha permesso di prendere invece il fattore piastrinico 4 fuori dall'equazione. Ciò ha provocato prevenzione delle rotture coagulo (fibrinolisi), consentendo TAFI di fare il suo lavoro.

Per verificare l'efficacia dei derivati ​​dell'eparina modificati nel migliorare la stabilità del coagulo, Mosnier impiegato un test funzionale chiamato "test lisi coagulo." Utilizzando una tecnica di diffusione della luce, il plasma è stato usato per generare un coagulo, che è stato degradato. Inoltre la modulazione delle condizioni ammesse misura della stabilità coagulo attraverso l'attivazione TAFI. Mosnier ha rilevato che, in effetti, la versione modificata eparina promosso la stabilità del coagulo.

Verso un trattamento più economico economico per una emofilia A

Un Mosnier ottimistica ammette la sua nuova scoperta è nella sua infanzia, ma spera che un giorno potrebbe fornire un trattamento alternativo per le condizioni di sanguinamento come l'emofilia A.

Emofilia A, che colpisce 1 su 5.000 maschi, è una malattia genetica sanguinamento X-linked per cui vi è una quantità o l'attività del fattore VIII ridotta. Si ottengono così i coaguli instabili, privi di fibrina - una proteina coagulante fibrosa. Attualmente, il trattamento per l'emofilia A è profilattico prendendo fattore VIII come una medicina per migliorare la coagulazione. Purtroppo, l'immunità contro il fattore VIII è un significativo effetto collaterale.

Mosnier spera che la modifica di eparina - che è più conveniente che il fattore VIII e già usato in clinica - potrebbe un giorno stabilizzarsi coaguli in questi pazienti.

"Il passo successivo è quello di vedere se il composto modificato migliorerà complicanze emorragiche nel topo Emofilia", ha detto Mosnier. "Siamo ancora molto lontani da rivendicare nulla clinico."

Il suo ottimismo è contagioso, però, ed è un momento emozionante per la scienza in laboratorio Mosnier.

Questa ricerca è stata finanziata da un "Pathway to Independence Grant," che ha permesso l'istituzione del Mosnier Lab, dal National Institute of Health (NHLBI di Grant HL087618).

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha