Molecole identificate che aiutano a spingere metastasi del cancro

Marzo 28, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Per molti tipi di tumore, il tumore originale stesso non è solitamente mortale. Invece, è la diffusione di una piccola sottopopolazione di cellule dal tumore primario ad altre parti del corpo - il processo noto come metastasi - che troppo spesso uccide il paziente. Ora, i ricercatori della Albert Einstein College of Medicine della Yeshiva University hanno identificato due molecole che consentono il cancro a diffondersi all'interno del corpo. Questi risultati potrebbero eventualmente portare a terapie che impediscono la metastasi inattivando le molecole.

Le molecole regolatrici sono coinvolti nella formazione Invadopodi, le sporgenze che consentono di trasformare cellule tumorali metastatiche - diventando mobili, degradando materiale extracellulare, penetrando vasi sanguigni e, in ultima analisi, si semina in altre parti del corpo.

La ricerca appare nel 7 aprile online questione di Current Biology. Senior autore dello studio è John Condeelis, Ph.D., co-presidente e professore di anatomia e biologia strutturale, co-direttore del Gruss Lipper Biofotonica Center e titolare della Giuditta e Burton P. Resnick cattedra di ricerca traslazionale a Einstein.




Dr. Condeelis e il suo team hanno identificato due molecole (p190RhoGEF e p190RhoGAP) che regolano l'attività di RhoC, un enzima che svolge un ruolo cruciale durante metastasi tumorali e che è stato identificato come un biomarker per il cancro mammario invasivo.

"In vitro e in vivo studi hanno dimostrato che l'attività di RhoC è positivamente correlata con una maggiore invasione e la motilità delle cellule tumorali", ha detto l'autore corrispondente Jose Javier Bravo-Cordero, Ph.D., un borsista post-dottorato nei laboratori di Dr. Condeelis e assistente professore Louis Hodgson, Ph.D., nel Gruss Lipper Biofotonica Center e il dipartimento di anatomia e biologia strutturale. "I nuovi giocatori che abbiamo identificato come la regolazione RhoC potrebbe servire come bersagli farmacologici terapeutici negli sforzi per bloccare metastasi tumorali."

Gli altri ricercatori nello studio Einstein, tutto nel dipartimento di anatomia e biologia strutturale, erano MD/Ph.D. studente Matthew Oser, tecnico di ricerca Xiaoming Chen, Robert Eddy, Ph.D., e il dottor Hodgson. Questo studio è il primo ad utilizzare una nuova generazione di biosensori G-proteina che il dottor Hodgson sviluppato. Il titolo del documento è "Un romanzo spaziotemporale RhoC attivazione della via regola localmente attività cofilina a Invadopodi."

La ricerca è stata finanziata dal National Institutes of Health.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha