Molti bambini con autismo possono ricevere trattamenti complementari o alternative

Giugno 24, 2016 Admin Salute 0 8
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una percentuale significativa di bambini di recente diagnosi di autismo ricevono trattamenti di medicina complementare o alternativa, alcuni dei quali sono potenzialmente dannosi, secondo un gruppo di ricercatori dell'Ospedale dei Bambini di Philadelphia.

I ricercatori hanno esaminato i grafici per 284 pazienti valutati al Regional Autism Center Hospital di disturbo dello spettro autistico. Essi hanno scoperto che 90 bambini, o 32 per cento del totale, usavano la medicina complementare e alternativa, con 25 bambini (9 per cento del totale) con un approccio potenzialmente dannoso.

Latino bambini erano più propensi a usare la medicina complementare e alternativa (CAM) rispetto ad altri gruppi di bambini, secondo l'autore Susan E. Levy, MD, mentre quelli con altri disturbi, non-autistici o deficit cognitivi erano meno propensi a farlo .




Lo studio appare nel numero di dicembre del Journal of Developmental e Behavioral Pediatrics. I ricercatori avvertono che i dati hanno trovato in una posizione clinica non possono riflettere i dati per l'intera popolazione di bambini con autismo.

"Alcuni di questi trattamenti CAM può alleviare i problemi associati con l'autismo, come disturbi del sonno e problemi gastrointestinali, ma i trattamenti sono improbabile per risolvere i sintomi principali del disturbo", ha detto il dottor Levy, direttore del Centro Regionale Autismo presso l'ospedale dei bambini di Philadelphia. "Non esiste una cura per l'autismo, ma gli esperti concludono che il modo migliore per migliorare i sintomi di base prevede metodi comportamentali ed educativi intensivi", ha aggiunto.

Tuttavia, i genitori di alcuni bambini autistici possono scegliere di provare altre fonti di trattamento nella speranza di alleviare i sintomi della malattia.

Dr. Levy e colleghi dividono i trattamenti non tradizionali in quattro categorie. In primo luogo, ci sono trattamenti biologici non provati ma innocui che non hanno alcun fondamento nella teoria medica (come la vitamina B6, farmaci gastrointestinali o agenti antifungini). Un altro gruppo comprende trattamenti non provati ma innocui con alcuni teorici base (come la vitamina C, le diete senza glutine o ormoni). Una terza categoria comprende non provati, trattamenti potenzialmente dannosi (come chelazione, antibiotici, alte dosi di vitamina A, immunoglobins o ritenuta vaccinazioni). L'ultimo gruppo è costituito da trattamenti non biologici (terapia animale, formazione integrazione uditiva e altri).

Latinos erano sette volte più probabilità di provare uno di questi approcci. Tuttavia, il piccolo numero di Latinos in studio (nove) può aver parzialmente rappresentato per i risultati sproporzionati, Dr. Levy ha detto.

In ogni caso, ha aggiunto, "Latino" può essere troppo ampio termine per avere significato utile. Si avverte che diverse origini nazionali e livelli di adattamento alla cultura americana può produrre risultati diversi con un gruppo comunemente combinato come Latino. Tuttavia, l'apparente maggiore uso di pratiche complementari o alternative può riflettere importanti questioni culturali riguardanti l'autismo.

I ricercatori hanno anche notato un minore utilizzo di CAM tra i pazienti con diagnosi aggiuntivi, tra cui sia disturbi medici e ritardo mentale.

L'utilizzo di CAM potenzialmente dannosa è stata trovata a livelli significativi, tra coloro che avevano visto un fornitore di assistenza sanitaria per la diagnosi prima di arrivare al centro di autismo. C'era qualche evidenza che i pazienti che hanno dovuto attendere più a lungo per un appuntamento presso il centro sono stati anche più propensi a utilizzare alternative più rischiose.

"Più aspettare i tempi per un appuntamento e l'età media più anziani di quelli che avevano visto i fornitori precedenti possono essere stati associati a una maggiore frustrazione tra i genitori di questi bambini, che porta all'uso di medicina complementare e alternativa, con relativi rischi più elevati," Dr. Levy ha detto.

L'uso di CAM non dovrebbe essere scartato a priori, ha aggiunto, sottolineando che l'American Academy of Pediatrics incoraggia vivamente ai medici di discutere di tali pratiche in maniera non giudicante non accusatorio.

Nell'articolo, il Dr. Levy suggerisce modi che i medici possono creativamente coinvolgere i genitori per quanto riguarda le loro convinzioni circa l'autismo e come trattarla. Ad esempio, se un trattamento complementare non è tossico, il clinico potrebbe non scoraggiare che il trattamento, ma potrebbe suggerire che sarà più efficace per aggiungere o continuare ad utilizzare i trattamenti standard che il medico abbia prescritto. Se il genitore utilizza un trattamento potenzialmente dannosa, il medico può negoziare una pratica sostituzione sicura - come abbassare la dose di una vitamina che possono essere stati presi a concentrazioni eccessive.

"Se i genitori ritengono che i medici non rispettano le loro convinzioni e le decisioni o non sono disposti a negoziare attorno all'uso di strategie di trattamento aggiuntivi," Dr Levy conclude, "queste strategie possono diventare un'alternativa più che complementare."

###

Co-autori del dottor Levy erano David S. Mandell, Sc.D., e Stephanie Merhar, entrambi della University of Pennsylvania School of Medicine; Richard F. Ittenbach, Ph.D., del Children Hospital Divisione di Biostatistica; e Jennifer A. Pinto-Martin, Ph.D., della University of Pennsylvania School of Nursing.

Porzioni di questa release sono stati forniti dalla Salute Behavior News Service.

Fondata nel 1855 come il primo ospedale pediatrico della nazione, Ospedale dei Bambini di Philadelphia è classificato oggi come il miglior ospedale pediatrico e la nazione da USNews & World Report e la rivista Child. Attraverso il suo impegno di lunga data a fornire eccezionali cura del paziente, la formazione di nuove generazioni di professionisti del settore sanitario pediatrico e pionieristico importanti iniziative di ricerca, Ospedale pediatrico ha promosso numerose scoperte che hanno beneficiato dei bambini in tutto il mondo. Il suo programma di ricerca pediatrica, è tra i più grandi del paese, al secondo posto nella National Institutes of Health finanziamento. Inoltre, i suoi programmi di assistenza centrata sulla famiglia e di servizio pubblico unici hanno portato il 430-letto ospedale riconoscimento come uno dei principali sostenitori di bambini e adolescenti da prima della nascita attraverso 19 anni Per ulteriori informazioni, visitare il sito http://www.chop.edu .

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha