Mortalità Stroke giù, ma la ragione rimane un mistero

Aprile 6, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un gruppo nazionale di eminenti scienziati, tra cui uno University of Alabama a Birmingham esperti, dice che per più di 100 anni un minor numero di persone sono state morendo di ictus, ma non è ancora chiaro il motivo per cui questo declino rimane costante.

L'American Heart Association e American Stroke Association hanno pubblicato una dichiarazione scientifica, "Fattori che influenzano il declino in Stroke mortalità", che è stato anche affermato dalla American Academy of Neurology come strumento educativo per i neurologi. La dichiarazione è pubblicata sulla rivista Stroke AHA.

L'ictus è una delle principali cause di disabilità a lungo termine ed è stato precedentemente riconosciuto come la terza causa di morte negli Stati Uniti, secondo l'Associazione Nazionale Stroke. Tuttavia, il colpo è scesa al quarto principale causa di morte a causa di una diminuzione della persone che muoiono da esso. Questo ha portato i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie di riconoscere il declino, e un calo simile nelle malattie cardiache, come uno dei 10 grandi conquiste in materia di salute pubblica del 20 ° secolo.




Dichiarazione coautore George Howard, Dr.PH, professore del Dipartimento di Biostatistica della Scuola di sanità pubblica, spiega che, anche con queste diminuzioni drammatiche, c'è ancora molto da fare.

"Corsa è in calo dal 1900, e questo potrebbe essere il risultato di mutamenti che portano a un minor numero di persone che hanno un ictus o perché le persone sono meno probabilità di morire dopo che hanno un ictus", ha detto Howard. "Nessuno realmente sa perché, ma diverse cose sembrano essere contribuire a un minor numero di decessi da ictus".

Forse il più grande contributore al declino, Howard dice, sono le modifiche che portano a livelli di pressione sanguigna più bassa, che è il più grande dei fattori di rischio ictus. Altri partecipanti possono comprendere la riduzione del fumo, un migliore trattamento del colesterolo, e come le persone vengono curate dopo aver avuto un ictus.

"Noi non sappiamo quanto tutte le fonti stanno contribuendo,", ha detto Howard. "Certo, vogliamo che andare avanti giù, ma se non capiamo il motivo per cui i numeri sono in calo, non possiamo lavorare verso questa tendenza."

Howard dice che, negli ultimi 11 anni, i decessi ictus sono diminuiti del 30 per cento.

"E 'un grosso problema, così si potrebbe sostenere che la nostra battaglia è vinta", ha detto. "Ma penso che abbiamo ancora molto da compiere in questo campo."

Andrei Alexandrov, MD, professore di Neurologia e direttore del Comprehensive Centro Stroke UAB, non era affiliato con la dichiarazione, ma dice che porta la notizia.

"Questo probabilmente è attribuibile non solo un migliore controllo della pressione arteriosa negli ultimi anni, ma anche ad un maggior numero di specialisti neurologici incentrati su cura dell'ictus in molti ospedali negli Stati Uniti e all'estero", ha detto Alexandrov. "Meglio riconoscimento ictus precoce e cure specialistiche possono anche ridurre il rischio di morire di ictus."

Alexandrov ha sottolineato un caso di dichiarazione - il tasso di mortalità più basso tra gli adulti di età inferiore ai 65 anni - merita ulteriore attenzione dato che una gran parte delle vittime di ictus nel sud-est degli Stati Uniti sono giovani.

"Occorre un maggiore impegno per ridurre la mortalità e prevenire l'incidenza di ictus prima volta, così come invertire la disabilità ictus seguente migliorando l'accesso dei pazienti agli ospedali che forniscono la terapia trombolitico," Alexandrov ha dichiarato.
Howard riconosce che, mentre la prevenzione e la cura dell'ictus hanno giocato un ruolo importante nella riduzione della mortalità per ictus, più ricerca deve essere fatto nella prevenzione dell'ictus.

"Questo solleva una domanda interessante: Nel caso di più risorse per la ricerca andare verso aree in cui abbiamo visto il successo, oppure dovrebbero andare dove non sono ancora state fatte differenze?" Howard ha detto. "Direi che c'è un argomento per entrambi."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha