Multivitaminici migliorare risultati di nascita tra i bambini nati da donne HIV-negativi

Aprile 27, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Ogni anno si stima che 20 milioni di bambini sono nati con basso peso alla nascita in tutto il mondo, oltre il 95% dei quali in paesi in via di sviluppo. Basso peso alla nascita, definita come meno di 2.500 grammi (5.5 libbre), è associata ad un aumentato rischio di esiti negativi per la salute, tra cui neonatale e la mortalità infantile, scarsa crescita e lo sviluppo cognitivo, e la morbilità dovute a malattie croniche più tardi nella vita, come il diabete e malattie cardiache. In un nuovo studio, il più grande fino ad oggi, i ricercatori della Harvard School of Public Health (HSPH) e Muhimbili University College of Health Sciences a Dar es Salaam, in Tanzania, ha scoperto che dare integratori multivitaminici ogni giorno per le donne HIV-negativi durante la gravidanza significativamente ridotto i rischi di basso peso alla nascita e una dimensione piccola per-gestazionale nascita età. Non sono stati osservati effetti significativi sul rischio di prematurità o di morte fetale.

Lo studio appare nel 5 Aprile 2007 numero del New England Journal of Medicine.

Il peso alla nascita è direttamente influenzata da una serie di fattori, tra cui la salute materna, stato nutrizionale e carenze di micronutrienti. Ferro e supplementi di folati sono regolarmente somministrati a donne in gravidanza in molti paesi in via di sviluppo, tra cui Tanzania, come parte di cure prenatali standard. Tuttavia, molte di queste donne sono anche carenti di una serie di altri micronutrienti che sono essenziali per la salute materna e la crescita del feto e del neonato e la sopravvivenza. In un precedente studio da Fawzi e colleghi tra le donne incinte sieropositive in Tanzania, multivitaminico (B-complessa, C ed E) integratori ridotto significativamente il rischio di gravidanza risultati negativi, tra cui la nascita pre-termine, basso peso alla nascita e morte fetale. Come risultato, la supplementazione di multivitaminici è stato incorporato in una serie di grandi programmi di assistenza prenatale per le donne sieropositive. Lo studio attuale è stato condotto per determinare se i benefici della supplementazione materna multivitaminico sulla nascita risultati applicati alle popolazioni HIV-negativi.




"Alla luce di questi risultati, si consiglia di multivitaminici prese in considerazione per tutte le donne in gravidanza nei paesi in via di sviluppo, a prescindere dal loro status HIV", ha detto Fawzi Wafaie, professore di nutrizione ed epidemiologia alla HSPH e investigatore principale dello studio.

Lo studio ha coinvolto 8.468 donne incinte HIV-negativi. I partecipanti sono stati arruolati a 12-27 settimane di gestazione e assegnati in modo casuale a ricevere placebo o multivitaminici supplementi giornalieri di iscrizione fino a sei settimane dopo il parto. I supplementi multivitaminici inclusi vitamine del complesso B, C ed E; Tuttavia, la vitamina A e zinco non sono stati inclusi, sulla base di risultati di studi precedenti che non mostravano un effetto benefico di questi nutrienti. Tutte le donne hanno ricevuto la profilassi ferro e supplementazione di folati e la malaria, come parte di cure prenatali standard Tanzania.

I risultati hanno dimostrato che i supplementi multivitaminici ridotto significativamente il rischio di basso peso alla nascita e una dimensione di nascita che era piccolo-per-età gestazionale del 18% e 23%, rispettivamente. I ricercatori riferiscono che il rafforzamento dello stato di micronutrienti delle donne durante la gravidanza attraverso la supplementazione giornaliera ha vantaggi significativi in ​​materia di immunità e di emoglobina livelli materni, il che spiegherebbe gli effetti protettivi sulla crescita fetale.

Gli autori di notare che molti paesi in via di sviluppo hanno già un sistema di distribuzione in luogo per la fornitura di ferro e folati supplementi per le donne incinte, come parte di standard di cura. Questi integratori, prodotti alla rinfusa dal Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (UNICEF), sono disponibili ad un costo di meno di un dollaro per la durata della gravidanza. "Integrare multivitaminici in questi integratori potrebbe essere fatto senza un grande aumento dei costi e sarebbe un metodo molto conveniente di migliorare gli esiti delle nascite nei paesi in via di sviluppo", ha detto Fawzi.

Questo studio è stato condotto con il sostegno del National Institute of Child Health and Human Development.

"Vitamine e perinatale Outcomes Tra HIV-negativi Donne In Tanzania", Wafaie W. Fawzi, Gernard I. Msamanga, Willy Urassa, Ellen Hertzmark, Paul Petraro, Walter C. Willett, Donna Spiegelman, New England Journal of Medicine, 356; 14 5 aprile 2007.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha