Mutazioni nel gene NOTCH1 Causa aortica malattia Valve

Giugno 9, 2016 Admin Salute 0 11
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

DALLAS (17 luglio 2005), - Studiando cinque generazioni di una famiglia di Dallas, i ricercatori UT Southwestern Medical Center hanno scoperto che una mutazione in un gene chiave provoca la malattia della valvola aortica, un difetto di nascita cuore comune e un importante contributo per adulti malattie cardiache. Nello studio, disponibile nella edizione on line della rivista Nature, i ricercatori a scansione il DNA di 11 membri di una famiglia che è stata colpita con malattia cardiaca aortica. I pazienti variava da bambini con grave restringimento della valvola aortica per 50 e 60 anni che hanno avuto tale accumulo di calcio gravi sul loro valvole cardiache che hanno richiesto le valvole di sostituzione.

I ricercatori hanno scoperto che UT Southwestern tutti i parenti con qualche manifestazione della malattia della valvola aortica avevano una mutazione in un gene chiamato NOTCH1.

Una seconda, più piccola di famiglia a San Diego afflitto con la malattia di cuore ha avuto anche i membri con una seconda mutazione nello stesso gene, fornendo prove convincenti che i ricercatori avevano trovato il legame genetico per la malattia di cuore aortica, ha detto il dottor Vidu Garg, assistente professore di pediatria e biologia molecolare e autore principale dello studio.




"Le mutazioni in NOTCH1 causano un difetto dello sviluppo precoce della valvola aortica", ha detto il dottor Garg.

La valvola aortica si trova tra il ventricolo sinistro, o inferiore camera del cuore, e la più grande arteria, l'aorta. Pompe Il ventricolo sinistro sangue ricco di ossigeno in aorta, che porta il sangue al cervello e il resto del corpo.

Il normale valvola aortica si compone di tre "volantini" lembi di tessuto che si aprono e chiudono per consentire il flusso di sangue attraverso la valvola in una sola direzione. Circa 1 per cento al 2 per cento della popolazione del mondo è nato con due soli lembi valvolari, un difetto chiamato valvola aortica bicuspide. La condizione predispone individui di stenosi valvolare aortica, una condizione che restringe gravemente il passaggio per il sangue di uscire cuore, e in molti casi, richiede un intervento chirurgico alla nascita.

Il restringimento della valvola può essere così grave mentre il feto è ancora sviluppando che il sangue non può uscire del ventricolo. In questi casi, il ventricolo non cresce, e il bambino è nato con una condizione chiamata sindrome del cuore sinistro ipoplasico.

"Il ventricolo sinistro di questi bambini è quasi inesistente, e sono nato con una delle più gravi forme di cardiopatia congenita, che rappresenta un quarto di tutti i bambini che muoiono di malattie cardiache", ha detto il dottor Deepak Srivastava, autore senior della carta. Dr. Srivastava è un ex professore di pediatria e biologia molecolare presso UT Southwestern, dove lui ei suoi colleghi ha eseguito la ricerca di Nature. Attualmente è direttore dell'Istituto Gladstone della malattia cardiovascolare e professore di pediatria presso l'Università della California, San Francisco.

"Sappiamo che i problemi della valvola aortica causano quelle morti, quindi pensiamo che le mutazioni NOTCH1 sono probabilmente la causa di alcuni casi di sindrome del cuore sinistro ipoplasico, così," ha detto il dottor Srivastava, che è il Distinguished Professor William e Adeline Pirag in Pediatric Cardiology Developmental .

Molte persone nate con valvola aortica bicuspide vanno a sviluppare presto calcificazione, o indurimento delle loro valvole aortiche, che è la terza causa più comune di malattie cardiache negli adulti. Come depositi di calcio si accumulano sulla valvola, le foglioline non si aprono normalmente, e la capacità del cuore di fornire il sangue al corpo diminuisce. Infine la valvola deve essere sostituita.

"Il nostro lavoro suggerisce che la calcificazione della valvola aortica può essere una manifestazione di una mutazione in NOTCH1 o di geni correlati", ha detto il dottor Garg. "A lungo termine, potremmo essere in grado di utilizzare tali informazioni per lo screening delle persone a rischio, forse dando ai pazienti la possibilità di fare un intervento farmacologico o stile di vita di rallentare la progressione della calcificazione. Penso che è dove l'utilità clinica di questo ricerca sarà molto probabilmente. "

Dr. Garg ha detto che, al fine di identificare possibili agenti terapeutici, sono necessari ulteriori studi per determinare esattamente come il gene NOTCH1 porta alla calcificazione.

"A causa di queste famiglie, abbiamo scoperto che la proteina NOTCH1 normalmente si spegne fattori che controllano lo sviluppo delle ossa, e questo può fornire indizi per capire il motivo per cui i tessuti diventano anormalmente calcificata nel contesto della malattia", ha detto il dottor Srivastava.

UT Southwestern altri ricercatori coinvolti nello studio sono stati tecnico di ricerca Alecia Muth; assistente di ricerca degli studenti in medicina interna Joshua Ransom, assistente di ricerca studente in chirurgia Marie schluterman, analista programmatore nel Eugene McDermott Centro per la crescita umana e lo sviluppo Robert Barnes, e il suo collega pediatrico Dr. Isabelle King. Dr. Paul Grossfeld da UC San Diego ha contribuito.

###
(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha