Nanoparticelle terapeutiche dare un nuovo significato allo zucchero-rivestimento Medicine

Marzo 31, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

In collaborazione con i colleghi della Johns Hopkins University, Dartmouth College, l'Università di Manitoba e due aziende biofarmaceutiche, il team NIST ha dimostrato che le particelle-essenzialmente bit rivestite di zucchero di ossido di ferro, circa 100 nanometri, sono killer tumorali potenti perchè interagiscono tra loro in modo che le nanoparticelle più piccole non lo fanno. Le interazioni, da molti bioengineers indesiderabile, effettivamente aiutare le particelle più grandi riscaldano meglio quando sottoposto ad un campo magnetico alternato. Perché questo calore distrugge le cellule tumorali, i risultati del team possono aiutare progettisti particelle migliori e metodi di trattamento.

Nanoparticelle promettono di combattere il cancro senza gli effetti collaterali dannosi della chemioterapia o radioterapia. Palle minuscoli di ossido di ferro possono essere rivestiti con molecole di zucchero che li rende particolarmente attraenti per le cellule tumorali, affamati di risorse. Una volta che le particelle vengono iniettate, le cellule tumorali sarebbero poi li ingeriscono, e medici sarebbero quindi in grado di applicare un campo magnetico alternato che provoca i centri di ossido di ferro per riscaldare, uccidendo il cancro, ma lasciando illeso il tessuto circostante.




Due aziende biotecnologiche, Micromod Partikeltechnologie e Aduro BioTech, create le particelle che hanno mostrato un grande potenziale nel trattamento di tumori nei topi, e hanno chiesto NIST per aiutare a capire il motivo per cui ha funzionato così bene. "Ma ci hanno mandato le particelle che erano molto più grandi di quello che la saggezza convenzionale dice che dovrebbero essere", dice lo scienziato dei materiali NIST Cindi Dennis. "Le particelle più grandi sono più fortemente magnetici e tendono a raggrupparsi, che li rende grande abbastanza per attirare i sistemi di difesa del corpo prima che possano raggiungere un tumore. Nanoparticelle Le aziende, tuttavia, non hanno avuto questo problema."

Sonde scattering di neutroni presso il Centro NIST per Neutron ricerca ha rivelato che di ferro più grande nuclei di ossido delle particelle si attraggono l'un l'altro, ma che il rivestimento di zucchero ha fibre estende, facendo somigliare un dente di leone, e queste fibre spingere uno contro l'altro quando due particelle diventano troppo vicini, che li molla a parte e mantenere una distanza di anticorpi che sfidano anziché aggregazione. Inoltre, quando le particelle fanno avvicinarsi, centri di ossido di ferro ruotano tutti insieme sotto l'influenza di un campo magnetico, sia generando più calore e depositando questo calore localmente. Tutti questi fattori hanno contribuito le nanoparticelle distruggere tumori al seno in tre su quattro topi dopo un trattamento, senza ricrescita.

"Il push-pull è parte di un braccio di ferro che fissa la distanza tra le nanoparticelle", dice Dennis. "Questo suggerisce che possiamo stabilizzare particelle interagenti in modo che potenzialmente pagare alla clinica."

La ricerca è stata finanziata dalla US Army Medical Research e Materiel Command e servizi sostenuti dalla National Science Foundation utilizzato.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha