'Neurosteroidi' trovato per evitare lesioni cerebrali causate da HIV/AIDS

Marzo 14, 2016 Admin Salute 0 35
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un team di scienziati provenienti da Canada, Tailandia e Marocco hanno scoperto che il DHEA-S può impedire impairment neurocognitivo che colpisce una percentuale significativa di pazienti affetti da AIDS. In un rapporto che appare nel numero di febbraio 2013, degli FASEB Journal, descrivono come una rete di molecole steroidi trovati nel cervello, definito "neurosteroidi", viene interrotto durante l'infezione da HIV che porta a danni cerebrali. Ciò suggerisce che il trattamento con una di queste molecole steroidi, chiamato DHEA-S, può compensare la perturbazione causata dal virus per prevenire o ridurre il danno cerebrale.

"Da questi studi, abbiamo acquisito una migliore comprensione di come l'HIV danneggia il cervello durante AIDS, insieme con lo sviluppo di un nuovo approccio terapeutico per le conseguenti disabilità neurologiche derivanti da HIV/AIDS", ha detto Christopher Potere, MD, co-autore di questo lo studio del Dipartimento di Medicina presso il Medical Research Centre presso l'Università di Alberta a Edmonton, Canada.

Per rendere la loro scoperta, Potenza e colleghi hanno inizialmente scoperto che i livelli degli enzimi neurosteroidi sono stati soppressi nel cervello delle persone affette da HIV/AIDS e che una molecola di neurosteroidi, DHEA-S, impedito danni alle cellule cerebrali (neuroni in coltura) causate da HIV. Quindi, utilizzando un modello animale di AIDS, hanno mostrato che il trattamento con DHEA-S impedito danno neuronale nel cervello, riducendo gli effetti negativi di HIV. Neurosteroidi sono già stati proposti come trattamenti per l'epilessia, trauma cranico, disturbo da stress post-traumatico e la depressione, e questi risultati estendere le potenziali applicazioni di trattamento per le molecole di neurosteroidi legate.




"La maggior parte delle persone sa che l'AIDS seminano il terrore totale il nostro sistema immunitario", ha detto Gerald Weissmann, MD, redattore capo di The FASEB Journal ", ma molte meno persone sanno che la malattia può anche portare a danni cerebrali evidenti. Questa ricerca studio offre una spiegazione del perché questo accade così come una possibile soluzione per prevenirlo. I prossimi passi, ovviamente, coinvolgere esaminando se le persone potranno beneficiare di una qualche forma di trattamento DHEA-S. "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha