New biomarcatore predice recidive del cancro al seno

Marzo 25, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori della Virginia Commonwealth University Massey Cancer Center hanno scoperto un nuovo biomarcatore relative al sistema immunitario del corpo che può predire il rischio di recidiva del tumore un cancro al seno paziente. Questa innovazione può portare a nuovi test genetici che personalizza ulteriormente la cura del cancro al seno.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Breast Cancer Research e trattamento, è il primo ad utilizzare tumore infiltrante cellule immunitarie si trovano nel sito del tumore per predire recidive del cancro. Usando campioni di tessuto da pazienti di cancro al seno, i ricercatori hanno scoperto che una specifica, firma cinque gene legato al tumore infiltrante cellule immunitarie in grado di prevedere con precisione la sopravvivenza libera da recidiva. Attualmente, ci sono due prove principali utilizzati per predire il rischio di recidiva in pazienti con carcinoma mammario, il pannello Oncotype DX e il pannello MammaPrint. Entrambe queste prove sono incentrate su geni che sono espressi prevalentemente dalle cellule tumorali.

"Sappiamo che il corpo inizia una risposta immunitaria quando rileva il cancro, e le cellule del sistema immunitario sono di solito presenti nel sito del tumore", spiega il ricercatore principale dello studio, Masoud Manjili, DVM, Ph.D. assistente professore di microbiologia e immunologia presso VCU Massey. "La prova è diversa da test attualmente utilizzati, cercando una risposta biologica alla presenza del cancro, e non basandosi su geni espressi dalle cellule tumorali reali."




I campioni di tessuto sono stati prelevati da pazienti con cancro al seno femminile e mantenuti nel tessuto VCU Massey Cancer Center e acquisizione dati e analisi di base (TDAAC) nel corso degli ultimi sette anni. "Abbiamo studiato i dati di 17 pazienti. Di questi pazienti, abbiamo avuto otto che recidivato entro cinque anni e nove che sono rimasti privi di tumore fino a sette anni", dice Manjili. La firma cinque gene è stato trovato per predire la recidiva in questi pazienti con una precisione superiore all'85 per cento.

Manjili e il suo team la prossima studiare campioni di tessuto da un campione di pazienti più ampia per convalidare ulteriormente i risultati in questo studio. Hanno anche intenzione di testare i loro risultati in uno studio a lungo termine dei pazienti di cancro al seno in trattamento.

"I nostri risultati potrebbero portare a sperimentazioni cliniche che mettono alla prova sia con immunoterapia prima di trattamenti convenzionali in pazienti con carcinoma mammario ad alto rischio di ricaduta potrebbe primo sistema immunitario del paziente, proprio come un vaccino, per evitare il rischio di ricaduta", dice Manjili .

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha