New Buzz On Coffee: non è la caffeina che aumenta la pressione sanguigna

Maggio 6, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

DALLAS, 19 NOV - Le persone che amano l'occasionale decaffeinato latte può essere sempre più di un ascensore di quello che sanno, gli scienziati riportano nel numero rapido accesso di oggi di Circulation: Journal of American Heart Association.

Scienziati svizzeri che studiano gli effetti della caffeina in un piccolo gruppo di persone che dichiarano di marcatamente pressione sanguigna elevata e una maggiore attività del sistema nervoso quando i bevitori di caffè occasionali bevuto un espresso triplo, a prescindere dal fatto che contenesse caffeina.

Sorprendentemente, le persone che bevevano caffè regolarmente mostrato una maggiore stimolazione di vie nervose simpatiche - ma nessun aumento della pressione sanguigna.




Questa è la prima volta sono stati segnalati tali disparità nelle reazioni al caffè, afferma il capo ricercatore Roberto Corti, MD, un cardiologo presso l'University Hospital di Zurigo.

I risultati suggeriscono che qualche ingrediente sconosciuto o ingredienti nel caffè - non la caffeina - è responsabile per l'attivazione cardiovascolare, spiega. Il caffè contiene diverse centinaia di sostanze diverse.

"Fino ad ora abbiamo attribuito gli effetti cardiovascolari di caffè alla caffeina, ma abbiamo trovato non bevitori di caffè dato caffè decaffeinato anche visualizzare questi effetti", spiega Corti. "Questo dimostra quanto poco sappiamo sugli effetti di una delle nostre bevande più popolari e lo stimolante più abbondantemente consumato in tutto il mondo.

"La sicurezza cardiovascolare del caffè rimane controverso," dice. "Le possibili rischi per la salute sono stati legati al suo ingrediente principale - la caffeina."

I ricercatori hanno misurato la pressione arteriosa, frequenza cardiaca e attività del sistema nervoso simpatico muscolare (MSA) in 15 volontari sani (età 27-38) - sei bevitori abituali di caffè e nove che o astenuti o bevuto caffè solo occasionalmente. Le misurazioni sono state registrate prima, durante e dopo i partecipanti consumato un espresso tripla, una tripla decaffeinato espresso o somministrazione endovenosa della quantità equivalente di caffeina o un placebo. Nessuno dei soggetti sapeva se stavano ricevendo caffeina.

L'attività del sistema nervoso simpatico gioca un ruolo importante nella regolazione della pressione sanguigna e over-attivazione è stato collegato con ipertensione.

I bevitori di caffè non abituali o occasionali avevano la pressione arteriosa sistolica (il numero superiore in una lettura della pressione sanguigna) aumenta da 12 millimetri di mercurio (mmHg) dopo 60 minuti. Nessun cambiamento significativo è stato osservato nella pressione sanguigna bevitori abituali '. MSA è aumentato in entrambi i gruppi di caffeina e decaffeinato del 29 per cento dopo 30 minuti e il 53 per cento dopo 60 minuti, con tempi di attivazione pressoché identici.

In bevitori di caffè non abituali dato espresso decaffeinato, la pressione sanguigna sistolica è aumentata nonostante alcun aumento della concentrazione nel sangue di caffeina. Attività di MSA è stata solo marginalmente aumentata, e la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna diastolica è rimasta invariata.

"Recenti studi epidemiologici hanno evidenziato un possibile effetto benefico sulle malattie cardiovascolari e decessi in bevitori abituali di caffè," dice. "Ma il nostro studio sostiene con forza l'ipotesi che gli ingredienti diversi da caffeina sono responsabili per gli effetti stimolanti del caffè sul sistema cardiovascolare."

La mancanza di aumento della pressione sanguigna nei bevitori di caffè suggerisce gli effetti possono essere mediati attraverso una maggiore tolleranza, le note ricercatore. Tuttavia, l'attivazione simpatica si è verificato in entrambi i gruppi, quando la caffeina è stato somministrato per via endovenosa, e MSA bevitori abituali 'aumentato dopo aver bevuto caffè caffeina, entrambi i quali suggeriscono tolleranza al caffè non sembra essere correlato alla caffeina.

Egli conclude che i potenziali effetti negativi attribuiti al caffè potrebbe essere meno pericolosi in consumatori regolari con pressione sanguigna normale. In queste persone, specialmente quelli senza una predisposizione ereditaria a ipertensione, il consumo di caffè non può essere considerato un fattore di rischio per l'ipertensione.

Ciò che resta da vedere è se le persone con ipertensione devono essere avvertiti di evitare caffè decaffeinato e, dice Corti.

L'American Heart Association dice studi che hanno valutato un legame diretto tra la caffeina, il consumo di caffè e la malattia coronarica hanno prodotto risultati contrastanti. Tuttavia, bere moderato di caffè (una - due tazze al giorno) non sembra dannoso.

Co-autori includono Christian Binggeli, M.D .; Isabella Sudano, M.D .; Lukas Spieker, M.D .; Edgar Hдnseler, M.D .; Frank Ruschitzka, M.D .; William F. Chaplin, Ph.D .; Thomas F. Lьscher, M.D .; e Georg Noll, M.D.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha