New Chemical può uccidere i batteri latente tubercolosi, studio mostra

Maggio 6, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Il successo in laboratorio suggeriscono che un nuovo composto può indicare la strada per prevenire la tubercolosi attiva nelle persone infettate con la forma latente del batterio, dice un team guidato da ricercatori della Weill Cornell Medical College di New York City. Un farmaco con tali proprietà potrebbe anche essere utile nel trattamento di persone che hanno già tubercolosi accorciando il periodo di trattamento prolungato. La scoperta evidenzia anche nuovi modi di pensare la lotta contro l'infezione batterica, che sta diventando sempre più resistenti agli antibiotici tradizionali.

"Con ogni nuovo caso di resistenza agli antibiotici, i medici stanno perdendo terreno contro il Mycobacterium tuberculosis e di altre malattie infettive", spiega l'autore dello studio dottor Carl Nathan, presidente di Microbiologia e Immunologia e la RA Rees Pritchett Professore di Microbiologia presso Weill Cornell Medical College. "Questo nuovo approccio combatte il patogeno in un modo che è diverso da antibiotici convenzionali. Per quello che potrebbe essere la prima volta, abbiamo trovato composti che uccidono solo M. tuberculosis quando non stanno dividendo. Questa mancanza di replica è una caratteristica di batteri latenti , che sono difficili da sradicare con gli antibiotici esistenti e, infine, svolgere un ruolo enorme nella diffusione dell'epidemia. "

E 'difficile sopravvalutare l'impatto della TB sulla salute pubblica. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, l'infezione polmonare uccide oltre 1,6 milioni di persone in tutto il mondo ogni anno.




Circa un terzo della popolazione mondiale è anche pensato di essere infettati con latente o non replicando M. tuberculosis. In circa 5 a 10 percento di questi individui, i batteri latenti eventualmente iniziano a replicarsi, causando malattia attiva. In media, ogni persona con tubercolosi attiva è pensato per diffondere l'infezione tra il 9 e altre 20 persone, dicono gli esperti.

"Ciò significa che l'uccisione di latente M. tuberculosis è una delle chiavi per limitare o eliminare la tubercolosi come una malattia", afferma Dr Nathan. "La ricerca di antibiotici è tipicamente concentrata sulla uccidere rapidamente divisione batteri. Ma con l'aumento della resistenza agli antibiotici, che non sembra una strategia vincente. La lunga durata del trattamento necessario per curare la tubercolosi può riflettere il fatto che alcuni dei batteri rimangono non-dividendo anche durante la malattia clinicamente attiva. "

Con farmaci attuali, si può prendere sei mesi di tempo per sradicare la maggior parte dei batteri non dividono, e l'adesione a quella lunga un regime è difficile per molti pazienti. Ma se si fermano il trattamento precocemente, i batteri resistenti ai farmaci possono emergere. Tali batteri sono ancora più difficili da eradicare se il trattamento viene ripreso, e nel frattempo, il ceppo resistente potrebbero essere anche stati trasferiti su altri.

Nei loro esperimenti, i ricercatori hanno Weill Cornell concentrati su un enzima batterico chiamato acetiltrasferasi diidrolipoamide (DLAT). "Lavoro principale di DLAT è quello di aiutare M. tuberculosis ottenere energia dai nutrienti. Ma quando il batterio è sotto stress, utilizza anche l'enzima di difendersi contro i danni ossidativi da cellule immunitarie umane, come i macrofagi,", spiega autore principale dello studio Dr. Ruslana Bryk, professore assistente di ricerca presso il Dipartimento di Microbiologia e Immunologia al Weill Cornell Medical College.

Il lavoro della squadra in cavie rivelato che DLAT è fondamentale per innescare TBC attiva. "Così abbiamo proiettato 15.000 composti per trovare sostanze chimiche che potrebbero frenare DLAT," dice il Dott Bryk. I ricercatori hanno scoperto un tale composto da una classe di sostanze chimiche chiamate rhodanines. I loro collaboratori a deCODE Chimica poi sintetizzati oltre 1.000 varianti fino a quando la squadra Weill Cornell ha trovato diversi che possono entrare e uccidere selettivamente non-dividendo M. tuberculosis.

"Crediamo che questi inibitori DLAT probabilmente bersaglio meccanismi aggiuntivi che non divide M. tuberculosis ha bisogno per sopravvivere, e stiamo attualmente studiando questa possibilità," dice il Dott Nathan. "Riteniamo inoltre che questi composti lavorano in sinergia con le risposte immunitarie umane e l'ambiente chimico all'interno dell'ospite per uccidere i batteri latenti."

Gli inibitori descritti nel documento non sono certamente gli unici ad avere la capacità di uccidere non-dividendo M. tuberculosis selettivamente. "Questo è stato davvero uno sforzo a prova di principio per dimostrare che i batteri di targeting non dividono era fattibile", spiega il dottor Nathan. "In un lavoro recente sostenuto dalla Bill e Melinda Gates Foundation, abbiamo poi trovato ulteriori composti che sembrano uccidere non-dividendo M. tuberculosis selettivo."

"Come genitore, cittadino e un paziente occasionale, mi preoccupo di perdere i guadagni molto combattuto che abbiamo fatto contro le malattie infettive", afferma Dr Nathan. "Quando gli antibiotici tradizionali di lavoro, trattamento della tubercolosi, polmonite e altre malattie batteriche sembra di routine Quando non funzionano -. Come sta accadendo ora con crescente frequenza - queste infezioni diventano emergenze La crescente crisi della resistenza microbica richiede nuovi approcci innovativi.. Ci auguriamo che questo lavoro sarà incoraggiare più scienziati che tali innovazioni sono la pena cercare. "

I nuovi risultati sono pubblicati nel 12 marzo online questione della rivista Cell Host & Microbe.

Questo lavoro è stato finanziato dal National Institutes of Health e Abby e Howard P. Milstein Programmi in biologia chimica di Malattie Infettive presso Weill Cornell. La Cornell Dipartimento di Microbiologia e Immunologia Weill è sostenuto dalla Fondazione William Randolph Hearst.

Co-ricercatori includono Dr. Benjamin Oro, Dr. Sabine Ehrt, Dr. Kyu Rhee, il Dr. Lin Gang, Aditya Venugopal, Omar Vandal, Xiuju Jiang e Jean Schneider - tutti Weill Cornell Medical College; Dr. Jasbir Singh, il Dr. Raghu Samy, dottor Krzysztof Pupek, Dr. Hua Cao, Dr. Carmen Popescu e il dottor Mark Gurney, di deCODE Chimica Inc., Woodbridge, Ill .; Dr. Srinivas Hotha e il dottor Joseph Cherian, ex dei The Rockefeller University, New York City; Dr. Lan Ly del Texas A & M University Health Science Center, College Station; e il Dr. Paul J. Converse della Johns Hopkins University di Baltimora.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha