New DNA Sequencing Technology utilizza Firefly enzimi per leggere il codice genetico

Aprile 2, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Tecnologia unica che utilizza gli enzimi di lucciole per leggere il codice genetico del DNA è stata installata presso l'Università di Liverpool.

Liverpool è una delle uniche due università del Regno Unito, con la macchina, in grado di leggere fino a 100 milioni di lettere di DNA in poche ore rispetto alla tecnologia attualmente in uso che può elaborare solo 50.000.

La macchina - denominata GS-Flex - è unico in quanto utilizza un enzima presente in lucciole come una luce del flash per aiutare leggere il filamento di DNA.




Scienziati di tutto il Regno Unito saranno in grado di utilizzare la nuova tecnologia per una varietà di scopi diversi, dalla ricerca sul cancro alla scienza veterinaria. I ricercatori di Liverpool, per esempio stanno guardando il sequenziamento del DNA del parassita della malaria. Studiando cambiamenti di scienziati del DNA del parassita mirare a capire perché alcune specie di malaria possono infettare gli esseri umani e gli altri possono infettare solo gli altri animali.

Il professor Neil Hall, presso la Scuola di Scienze Biologiche dell'Università, spiega: "Questa nuova macchina è prezioso non solo per la ricerca su malattie come il cancro e la malaria, ma per la nostra comprensione della genetica nel suo complesso, ad esempio abbiamo scienziati guardando il. DNA di pesce per capire come i geni sono attivati ​​e abbiamo scienziati veterinari guardando a come le malattie in animali domestici possono essere passati agli esseri umani.

"Abbiamo un team di esperti dell'Università che sono esperti nell'uso di questa tecnologia e siamo quindi in grado di accogliere la collaborazione con altre istituzioni in raccogliendo i frutti di questo."

Sequenziamento del DNA di corrente è stata introdotta da istituti come Sanger Institute del Wellcome Trust. E 'stato qui che gli scienziati decodificati un record due miliardi di lettere di DNA nel genoma umano. Per fare questo, però la tecnologia che era grande e complessa richiesto centinaia di macchine in edifici appositamente costruiti. La nuova macchina state-of-the-art è ormai non più grande di una fotocopiatrice e conservati in un laboratorio presso la Scuola di Scienze Biologiche dell'Università.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha