New marcatore genetico rende mosca della frutta un modello migliore per lo sviluppo del cervello e delle malattie

Maggio 3, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

VIB ricercatori attaccati al K.U. Leuven hanno migliorato la mosca della frutta come modello per studiare le connessioni tra le cellule cerebrali. I ricercatori hanno sviluppato un marcatore specifico per una parte della cellula nervosa della mosca che precedentemente era difficile distinguere.

La loro scoperta, pubblicata negli Atti della National Academy of Sciences, contribuirà non solo ad ottenere una migliore comprensione dello sviluppo del cervello, ma rende anche la mosca della frutta in un migliore sistema modello per studiare i disturbi dello sviluppo cerebrale e cervello.

Il cervello umano è composto di 100 miliardi di singole cellule nervose che comunicano tra loro tramite una complessa rete di collegamenti. Errori nella comunicazione di queste cellule sono spesso alla base del cervello e nervi malattie come il morbo di Alzheimer e la sclerosi multipla. Nella ricerca di possibili soluzioni a queste malattie, un aspetto importante è capire come le connessioni tra le cellule nervose si sviluppano.




Il moscerino della frutta, Drosophila melanogaster, è un importante, a basso costo organismo modello con somiglianza genetica del 60% con gli esseri umani. Il moscerino della frutta ha un ruolo significativo nel chiarire vari processi neurologici, come il modo in cui la nostra memoria funziona e il nostro senso dell'olfatto e in particolare lo studio delle malattie neurodegenerative. Il team guidato da Bassem Hassan utilizza la mosca della frutta come modello per studiare lo sviluppo del cervello.

La Danimarca, la chiave mancante

Sebbene Drosophila è stato a lungo utilizzato per studiare le connessioni tra le cellule nervose, un indicatore specifico è stato ancora mancante. Per comprendere l'intero circuito tra le cellule nervose, sono necessari marcatori per i diversi comparti di cellule nervose (cellule presinaptiche o uscita e cellule postsinaptici o di ingresso).

Sotto la direzione di Bassem Hassan e in collaborazione con Wim Annaert, Laura Nicolaп, Ariane Ramaekers ei loro colleghi hanno identificato il marcatore mancante, Danimarca (Dendritic Marker), un ibrido di una proteina del mouse e una proteina fluorescente. L'elevata specificità di tale marcatore per il vano di ingresso delle cellule nervose Drosophila nasce la speranza che possa essere utilizzato anche in altri organismi modello.

Le cellule nervose comunicano attraverso una sinapsi. Una sinapsi è uno spazio nella connessione tra le cellule nervose, più precisamente lo spazio tra la membrana presinaptica (di un assone) e la membrana postsinaptica (di un dendrite). Assoni conducono dalla cella, dendriti (di solito) ad esso. Il "messaggio viene trasmesso" tramite sinapsi da neurotrasmettitori.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha