Non fluidificanti del sangue e il trattamento ictus significano pericolo? Studio indica rischio è basso

Giugno 2, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Milioni di americani prendono aspirina o altri farmaci ogni giorno per ridurre il rischio di attacchi di cuore o altri problemi causati da coaguli di sangue.

Ma quando uno di loro soffre un ictus causato da un coagulo nel loro cervello, alcune squadre di emergenza potrebbero esitare a dare un potente farmaco trombolitico chiamato tPA - per paura che la combinazione di farmaci può causare pericolosa emorragia cerebrale.

Ora, una Università del Michigan studio Stroke programma suggerisce questa paura può essere infondata, almeno per la maggior parte dei pazienti che assumono terapie coagulo prevenzione comuni.




Lo studio si basa sui dati di 830 pazienti colpiti da ictus che hanno ricevuto tPA in qualsiasi dei 28 ospedali del Michigan che hanno partecipato in due studi UM-led. Poco meno della metà di loro erano su aspirina o clopidogrel (venduti come Plavix) prima che avessero i loro colpi.

Dopo aggiustamento per i pazienti 'le altre caratteristiche, i ricercatori hanno trovato alcuna differenza significativa nel tasso di sanguinamento cerebrale visto su pazienti' scansioni cerebrali - anche emorragie di basso livello che non ha causato i sintomi.

I risultati, pubblicati in questo numero di Academic Emergency Medicine, dovrebbero aiutare a rassicurare le squadre di emergenza e pazienti che un trattamento ictus potente è sicuro da usare anche nei pazienti che hanno assunto aspirina o clopidogrel.

I risultati hanno mostrato un piccolo aumento del rischio di cervello non sintomatica emorragie in pazienti di età superiore ai 81. E, quando i ricercatori hanno combinato i loro dati con i dati di altri studi precedenti sul tema, che hanno trovato un piccolo aumento del rischio, ma non riuscivo a regolare i dati per tutte le caratteristiche del paziente.

Lo studio non ha incluso tutti i pazienti che assumono anticoagulanti più potenti, come il warfarin, eparina, dabigatran (Pradaxa) o rivaroxaban (Xarelto). Gli autori avvertono che il potenziale uso di tPA nei pazienti che assumono questi farmaci ha bisogno di molto di più di studio.

"Alla luce del beneficio a lungo termine che i pazienti ricevano dalla terapia antiaggregante, il piccolo aumento del rischio di emorragia intracranica dopo trattamento tPA non dovrebbe essere un gioco-changer per i medici di emergenza", dice l'autore William Meurer, MD, MS, un assistente professore di medicina d'emergenza presso l'UM Medical School. "Questo studio da una vasta gamma di ospedali fornisce prove concrete sulla base di uso nel mondo reale di tPA che i medici non dovrebbero modificare il loro processo decisionale sulla base di aspirina o clopidogrel uso nel trattamento di pazienti colpiti da ictus con tPA."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha