Novel DNA vaccino conduce alla prevenzione danni renali In sistemici Models lupus eritematoso

Aprile 18, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Vaccinazione DNA usando autoantigeni lupus e interleuchina-10 (IL-10, una citochina che svolge un ruolo importante nella regolazione del sistema immunitario) ha potenziale come nuova terapia per indurre tolleranza antigene specifico e può aiutare a prevenire danni renali in pazienti con lupus sistemico eritematoso sistemico (LES), secondo un nuovo studio presentato 11 giugno alle EULAR 2009, il congresso annuale della European League Against Rheumatism a Copenhagen, Danimarca.

SLE è una complessa malattia autoimmune, cronica che causa infiammazione e danni ai tessuti del corpo. Infiammazione del rene può causare insufficienza renale, spesso una complicanza significativa di SLE associata a forme più gravi della malattia, e la causa principale di disabilità che conduce ad altre complicazioni mortali in persone con la condizione.

Nello studio, un gruppo di topi sperimentale è stato vaccinato con Sm (Smith antigeni che sono piccole ribonucleoproteine ​​nucleari: snRNPs) lupus autoantigene in combinazione con IL-10 e un altro gruppo vaccinato con lo stesso antigene e IFN-gamma, entrambe le molecole coinvolte nella segnalazione il processo immunitario. SLE è stata indotta nei topi e i livelli di anticorpi contro vari autoanticorpi lupus sono stati analizzati. Lo studio ha trovato che i livelli di anticorpi anti-Sm nel gruppo vaccinato IL-10 erano inferiori a quelli del gruppo vaccinato con IFN-gamma (p = 0.026, statisticamente significativa).




È interessante notare che la prevalenza e livelli di altri autoanticorpi, come anti-Argonaute2 (Ago2)/Su e cromatina non differivano tra i due gruppi, che indica che la vaccinazione era Sm antigene specifico e con successo il targeting anticorpi specifici. Proteinuria significativa (una condizione urinaria che può indicare danni renali) (> 1.5 +) era meno comune nel gruppo vaccinato IL-10 rispetto al gruppo IFN-gamma, che può suggerire un ruolo benefico per la IL-10 di vaccinazione nel prevenire danni renali associata con SLE.

Dr Monica Vazquez del Mercado, responsabile del Instituto de Investigaciуn en Reumatologнa y del Sistema Mъsculo Esquelйtico della Universidad de Guadalajara, Messico, corrispondente autore dello studio, ha detto: "Alcuni autoanticorpi sono specifici per il LES e sono considerati caratteristici della condizioni. I meccanismi che regolano la produzione di questi anticorpi sono poco conosciute, tuttavia, i risultati del nostro studio hanno identificato un possibile modo di influenzare il percorso dietro danno renale nel LES. "

Studi in modelli umani e murini di lupus hanno rivelato che le principali epitopi degli anticorpi anti-Sm sono presenti in posizioni specifiche (D1, D2 e ​​B/Bґ) dei antigeni Sm. I ricercatori in questo studio preparato vaccini a DNA di Sm D1, D2, B/Bґ, B/BґCOOH, IFN-gamma e IL-10 utilizzando tecniche di clonazione diretti con pcDNA "3.1D/V5-His-TOPO® e purificati questi utilizzando Qiagen Endo -Free Giga Prep Kit. Otto gruppi da 6 settimane di età femminile topi BALB/c (13/gruppo) ha ricevuto iniezioni intramuscolari di 100 microgrammi di preparazione vaccinazione giorni 2 e 9. Al giorno 16, i topi sono stati indotti con SLE sperimentale.

I campioni di siero sono stati raccolti al giorno 0 e poi mensile per l'analisi di autoanticorpi e livelli di immunoglobuline. Autoanticorpi siero sono stati testati da immunoprecipitazione ed ELISA. La proteinuria (proteine ​​eccessivo nelle urine) è stata valutata utilizzando Multistix® mensile. Rene patologia e immune deposizione complesso sono stati esaminati a 6 mesi.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha