Novel genetica Regione individuati per asma infantile nei messicani

Aprile 12, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Varianti genetiche di una regione sul cromosoma 9q possono influenzare lo sviluppo di asma nei bambini messicani, secondo la ricerca pubblicata nel 28 agosto questione del libero accesso rivista PLoS Genetics.

I ricercatori del National Institute of Environmental Health Sciences e l'Istituto Nazionale di Salute Pubblica (Messico) e loro collaboratori presso università negli Stati Uniti e il Regno Unito hanno condotto un (GWA) studio di associazione genome-wide, in cui si guardavano oltre 500.000 varianti tra il genoma in 492 bambini messicani con asma ei loro genitori per identificare nuovi geni che possono influenzare lo sviluppo di asma. I punti di lavoro nella regione cromosomica 9q21.31 come candidate regione romanzo per l'asma infantile.

L'asma è una malattia cronica infantile leader che è influenzata sia da fattori genetici e ambientali. Tuttavia, pochi geni sono stati costantemente associati con la malattia. Studi GWA hanno identificato con successo nuovi geni per molte malattie comuni, ma ad oggi ci sono stati solo una manciata di studi GWA incentrati su asma e ancora meno focalizzati su asma in popolazioni ispaniche.




I ricercatori hanno esaminato anche antenati in questa popolazione messicana e hanno scoperto che la regione cromosomica 9q21.31 può essere alla base alcune delle differenze nella prevalenza di asma infantile che sono stati osservati tra i gruppi etnici. Non è chiaro il motivo per cui i messicani hanno tassi più bassi di asma rispetto ad altri gruppi.

Il cromosoma 9q21.31 varianti associate con asma infantile in questo studio si trovano vicino al gene TLE4, ma i ricercatori affermano che "un ulteriore lavoro è necessario per decifrare se TLE4 o un gene vicina spiega i segnali provenienti dalla regione cromosomica 9q21.31." Inoltre, è probabile che molteplici fattori di rischio genetici e ambientali alla base dello sviluppo di asma infantile, e I ricercatori concludono che saranno necessari studi con grandi dimensioni del campione di identificare i fattori di rischio interagenti.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha