Nuova generazione di HIV/AIDS farmaci potrebbero Previeni l'infezione iniziale

Aprile 19, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

La ricerca decennale che professore di chimica Thomas Bell ha investito in ricevuto una spinta importante di recente, quando uno degli articoli di Bell ha fatto l'elenco delle 100 pubblicazioni più influenti nel campo della ricerca sull'HIV/AIDS per il 2006. La ricerca esamina lo sviluppo di un estremamente efficace l'HIV/AIDS compound-combattimento

Su più di 10.000 HIV/AIDS articoli di ricerca in tutto il mondo, l'articolo di Bell nel Journal of Medicinal Chemistry è stata classificata al n ° 90 - un'impresa incredibile visto che le parole chiave "HIV" o "AIDS" non sono nemmeno in questo articolo del titolo.

"Si potrebbe pensare che sarebbe piuttosto piccolo di lettori, ma per avere questo articolo sia una delle 100 migliori articoli più influenti pubblicati nel 2006 in tutto il campo di ricerca sull'HIV/AIDS, è abbastanza impressionante", ha detto Bell, notando che la classifica è dal portale di ricerca AIDS e HIV, aidshivresearch.com




"Eravamo N. 90 di più di 10.000, di modo che è meglio del 99 ° percentile."

Altri ricercatori di tutto il mondo hanno affollato l'articolo a causa delle implicazioni del lavoro di Bell. Poiché Campana documentato le attività del cosiddetto (Cyclotriazadisulfonamide) composto "CADA" più di un decennio fa, i ricercatori hanno sempre riconosciuto che CADA potrebbe rappresentare la prossima generazione di farmaci contro l'HIV/AIDS.

CADA ha dimostrato di inibire la replicazione di HIV eliminando la "maniglia" di cui le molecole recettoriali sulla superficie di un globulo bianco normalmente afferrare HIV, permettendo al virus di entrare e infettare la cellula.

"Non c'è nessun altro farmaco simile", ha detto Bell. "Se si guarda la cella prima e dopo che è stato trattato con il farmaco, si vede qualcosa di veramente straordinario. Prima di essere trattati con il farmaco, è possibile contare il numero di CD4 (recettori di superficie per l'HIV) sulla superficie della cell. Se trattate la cella con il farmaco per mezza giornata, o un giorno, allora il CD4 è quasi scomparso. E 'completamente nuovo meccanismo di azione nell'inibire la replicazione del virus ".

Bell, un membro del College of Science, ha detto che negli ultimi anni, lui e il suo team di ricerca hanno imparato di più su CADA e le sue proprietà. Hanno imparato che piccole quantità di CADA in grado di proteggere la cellula contro l'HIV. Inoltre, essi hanno trovato che la tossicità cellulare del composto su globuli bianchi è relativamente bassa. Questo potrebbe significare che l'indice terapeutico che i ricercatori di droga usano per valutare gli effetti collaterali di un farmaco proposta potrebbe anche essere basso - un buon segno che gli esseri umani possono tranquillamente prendere il farmaco.

"Ogni farmaco è tossico, e il meno tossico è, meglio è", ha detto Bell. "Ci vogliono circa 50 volte superiore alla quantità di CADA tossica sulle cellule bianche del sangue di quanto non faccia per dare una protezione contro l'HIV, che è un segnale positivo che stiamo andando nella giusta direzione."

Bell ha detto che il suo lavoro con Tibotec, una compagnia farmaceutica in Belgio, ha portato anche a risultati importanti che potrebbero avere implicazioni di vasta portata per via di sviluppo che saranno devastato nei prossimi anni dall'epidemia di AIDS.

"A causa del nuovo meccanismo d'azione, c'è una possibilità che questo potrebbe essere utilizzato non solo per curare i malati di Aids - perché diminuire la replicazione del virus ed i sintomi del virus andare via - ma anche che potrebbe essere utilizzato per proteggere le persone da infezione, in primo luogo, "ha aggiunto, sottolineando che la presenza di CADA significherebbe che le cellule sarebbero in grado di essere infetto a tutti. "C'è un consorzio europeo che sta guardando questo farmaco come 'microbicida,' potenziale che letteralmente significa 'uccidere il microbo,' ma in realtà si tratta di un farmaco che può essere usato per prevenire l'infezione. E 'in corso ora testato come agente protettivo, un agente profilattico, in un impianto vaginale.

"Questo potrebbe essere utilizzato, per esempio, nei paesi in cui le norme sociali, culturali o religiosi dicono che gli uomini non devono indossare il preservativo. Può essere utilizzato anche per i tecnici dei laboratori di lavoro in cui il sangue viene manipolato da pazienti potenzialmente infetti."

E, avendo una classifica rarefatta nel 99 ° percentile di articoli pubblicati in HIV/AIDS ricercatore ulteriormente aiutare Bell nel suo lavoro, ha detto.

"Quello che sto davvero entusiasta è nell'ultimo anno abbiamo finalmente ottenuto l'attenzione dell'industria farmaceutica", ha detto Bell. "I primi anni, quando stavamo lavorando su questo farmaco, ho pensato, 'Wow, un nuovo farmaco AIDS ... il mondo batterà un sentiero alla mia porta.' E questo non è avvenuto subito. Ora, però, il lavoro ha raggiunto un punto di rispettabilità e l'industria farmaceutica sta riconoscendo le potenzialità di questo approccio ".

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha